Le app per monitorare il consumo giornaliero di cibo sono utili?

Usare le app che monitorano il consumo giornaliero di cibo può essere realmente utile per poter perdere peso in maniera sostenibile.

monitorare il consumo giornaliero di cibo
credit: stock.adobe.com/bernardbodo

Pur senza seguire una dieta particolare, le persone in sovrappeso che hanno monitorato il consumo quotidiano di cibo utilizzando un’applicazione gratuita per smartphone hanno perso effettivamente del peso.

Ad affermarlo è uno studio della Duke University, secondo cui i risultati sono stati ottenuti utilizzando strumenti automatici e gratuiti, piuttosto che costosi e personalizzati, suggerendo così un possibile percorso a basso costo per la perdita di peso efficace.

Le applicazioni gratuite e a basso costo per la perdita di peso hanno cambiato i modi è possibile gstire il loro peso“, ha detto Gary Bennett, professore di psicologia Duke e co-autore della ricerca. “Abbiamo dimostrato che le applicazioni commerciali per smartphone possono essere un modo utile per iniziare con la perdita di peso”.

Il nuovo documento, pubblicato online sulla rivista open JMIR mHealth e uHealth, hanno sorpreso non pochi ricercatori, compreso Michele Lanpher Patel, che ha condotto la ricerca insieme a Bennett mentre completava il suo dottorato in psicologia alla Duke. Patel è ora un borsista post-dottorato alla Stanford University.

Abbiamo voluto studiare un trattamento di minore intensità e maggiore comodità per la perdita di peso“ – ha detto Patel. “Ma non eravamo sicuri di quanto peso le persone avrebbero perso con questo tipo di trattamento a distanza. La fusione dei principi della scienza comportamentale con la tecnologia si è rivelata un successo”.

Ancora, Patel ha rammentato come “non tutti vogliono o hanno tempo per un trattamento di perdita di peso ad alta intensità” ed è “quindi importante creare strategie alternative che possano supportare queste persone. Gli approcci digitali alla salute hanno il potenziale per soddisfare questa esigenza”.

Per arrivare a tale risultato i ricercatori hanno usato un’applicazione gratuita dove i pazienti avrebbero potuto registrare l’assunzione di cibo e il loro peso. Hanno poi diviso i 105 partecipanti allo studio, che avevano tra i 21 e i 65 anni, in tre gruppi in uno studio controllato randomizzato. I partecipanti non sono stati istruiti a seguire una dieta particolare, ma hanno invece ricevuto ampi consigli su un’alimentazione sana, e sono stati invitati a monitorare semplicemente ciò che mangiavano.

Il primo gruppo ha monitorato cosa mangiava ogni giorno per tre mesi. Un secondo gruppo ha seguito il loro peso per un mese, e ha poi iniziato a registrare anche l’assunzione di cibo. Quel gruppo ha anche ricevuto e-mail con feedback personalizzati, lezioni settimanali sulla nutrizione e sui cambiamenti comportamentali e piani d’azione che descrivono come implementare la lezione settimanale.

Il terzo gruppo ha registrato sia il peso che l’assunzione di cibo per tutti e tre i mesi, utilizzando la stessa applicazione dei primi due gruppi. Hanno anche ricevuto lezioni settimanali, piani d’azione e feedback. Per esempio, le lezioni settimanali di nutrizione includevano suggerimenti su argomenti come la riduzione degli alimenti zuccherati e il controllo delle porzioni.

Ebbene, tre mesi dopo l’inizio dello studio, i partecipanti di tutti e tre i gruppi avevano perso clinicamente quantità significative di peso, con il secondo e il terzo gruppo che hanno ottenuto risultati lievemente migliori. Giova però rammentare che proprio i partecipanti del terzo gruppo hanno mantenuto la perdita di peso più a lungo, dimostrando la virtuosità del loro comportamento.

Fonte

Tracking daily food consumption using free app leads to weight loss – duke.org

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia