Le erosioni cutanee sono delle lesioni che si manifestano sulla parte superficiale della pelle. A causare queste ferite possono essere dei traumi, anche se nella maggioranza dei casi si tratta di patologie dermatologiche di tipo infettivo. Nel corso dell’articolo si avrà modo di approfondire al meglio tali malattie e come usare Trofodermin Crema.

Trofodermin Crema è un farmaco che non richiede nessun obbligo di prescrizione medica, appartiene alla categoria degli androgeni e nello specifico agli androgeni per uso cutaneo. La sua composizione è formata dai principi attivi Clostebol e Neomicina solfato.

Il Clostebol è uno steroide anabolizzante, che se viene applicato sulla pelle in presenza di lesioni contribuisce alla rigenerazione del tessuto cutaneo. La Neomicina, invece, è un antibiotico che appartiene alla famiglia degli amminoglicosidi, essa agisce bloccando la produzione delle proteine nei batteri in modo da ridurne il numero. Trofedermin quindi è un prodotto consigliato per guarire le ferite della pelle e proteggerle da eventuali infezioni. Vediamo però nello specifico in quali circostanze è consigliato l’uso di questa crema:

  • in presenza di lesioni o ferite come ulcere da varici provocate da una cattiva circolazione del sangue, ulcere da traumi e piaghe dovute a immobilità nel letto;
  • laddove compaiono abrasioni ed erosioni della pelle;
  • ragadi sul capezzolo, o ragadi anali;
  • irritazione, arrossamento e sensibilizzazione della pelle che compare dopo radioterapia;
  • per combattere la secchezza, le screpolature con ulcerazione della pelle o la desquamazione;
  • ferite da: ustione, infette o che ritardano il naturale processo di cicatrizzazione.

È possibile acquistare Trofedermin Crema in una qualsiasi farmacia, parafarmacia, online e presso tutti gli esercizi commerciali autorizzati, inclusi i centri commerciali.

Dosaggio e somministrazione

dosaggio e trattamento della Trofodermin Crema

La dose raccomandata Trofedermin Crema è di 1-2 applicazioni al giorno. Bisogna applicare uno strato sottile di crema sulla ferita ed eventualmente coprire con una garza sterile. La posologia indicata non deve essere modificata di propria iniziativa. Se non dovessero esserci miglioramenti, o addirittura la propria condizione dovesse peggiorare, si consiglia di contattare al più presto il medico di base o rivolgersi a uno specialista.

Quando Trofedermin Crema viene applicata per lunghi periodi e su grandi aree di pelle ferita possono insorgere effetti indesiderati dovuti al passaggio del farmaco nel circolo sanguigno. In tal caso si sospenda il trattamento.

Avvertenze e precauzioni

È consigliabile non usare Trofedermin Crema in modo continuativo, su ampie zone della pelle e per lunghi periodi. Il motivo di queste raccomandazioni riguarda in primo luogo la neomicina solfato che può causare problemi ai reni o all’udito.

Si tenga presente che l’uso di questo farmaco senza alcuna necessità terapeutica costituisce doping e può determinare positività al test antidoping. Se è in corso una gravidanza, se si sospetta o si sta pianificando una gravidanza, o se si sta allattando con latte materno sarebbe opportuno confrontarsi col ginecologo prima du utilizzare Trofedermin. Per qualsiasi altro dubbio sull’assunzione di Trofedermin Crema si legga attentamente il foglietto illustrativo o si contatti il proprio farmacista di fiducia.

Interazioni e possibili effetti collaterali

È bene informare il medico o il farmacista se si stanno assumendo altri medicinali o si è intenzionati a farlo. Trofedermin Crema contiene antibiotici e l’uso in concomitanza di altri farmaci può aumentare il rischio di allergia e provocare ulteriori effetti indesiderati. Non sono note interazioni con cibi e bevande.

Come tutti i medicinali in commercio anche Trofedermin Crema è soggetto a effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. L’uso prolungato di prodotti indicati per uso cutaneo oltre a poter provocare eventuali allergie, può causare un aumento di peli. Onde evitare spiacevoli sorprese si raccomanda di seguire le indicazioni del foglietto illustrativo o del medico.

Conservazione

Il medicinale deve essere conservato lontano dalla portata dei bambini, in un luogo fresco e asciutto. Una volta aperta, la crema va consumata entro 30 giorni e non oltre. La data di scadenza indicata sulla confezione del prodotto va sempre rispettata e si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Si raccomanda di non gettare il farmaco nell’acqua di scarico o nei rifiuti domestici. Se dovessero essere dubbi sullo smaltimento di Trofedermin Crema è meglio rivolgersi al farmacista che saprà indicare la miglior soluzione possibile. Questo aiuta  a proteggere l’ambiente.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia