Carcinoma mammario, individuato il gene che lo predispone

Carcinoma mammario è uno dei tumori più diffusi tra le donne. Uno studio tutto italiano ha individuato il gene che se alterato si pone come campanello d’allarme

Carcinoma mammario gene che predispone
Carcinoma mammario (Gettyimages)

Il carcinoma mammario è oggi uno dei tumori più diffusi nelle donne. Il tumore al seno è una malattia che si cura ma anche potenzialmente grave se non individuata e curata per tempo. Le cellule della ghiandola mammaria attaccate dal male si moltiplicano e si trasformano in maligne diventando così molto pericolose. In questo caso hanno poi la capacità di diffondersi anche negli altri tessuti e se passa troppo tempo di passare anche agli organi.

Negli ultimi anni gli studi sul carcinoma mammario sono stati diversi come anche le forme di alterazione genetica alle quali è stato associato il tumore.

Oggi da un ateneo tutto italianao arriva un buon risultato. I ricercatori dell’Università di Andrologia e Medicina della Riproduzione dell’Università di Padova, sono riusciti a individuare un gene che è stato denominato E2F1, che secondo gli studi fatti, può essere affiliato al rischio di carcinoma mammario. Un risultato che è stato raggiunto studiando le basi genetiche del tumore al seno.

LEGGI ANCHE –> Cistite: i sintomi, le cause ed i rimedi per curare l’infiammazione

Carcinoma mammario, lo studio dell’Università di Padova

Carcinoma mammario gene che predispone
Ricercatrice (Gettyimages)

Vediamo nello specifico come si è arrivati a raggiungere un risultato così importante per la medicina e per la salute. Lo studio è stato condotto nel corso di un anno su 222 donne malate che presentavano il carcinoma mammario.

I ricercatori dell’Università di Padova hanno studiato la proteina prodotta dal gene E2F1 che regola il ciclo cellulare che solitamente si riproduce in duplice copia. In molti casi di donne con cancro al seno, circa il 4,5 % dei casi, se ne ritrovano più di due copie di questa proteina. Indicatore essenziale e potenziale segno di allarme.

LEGGI ANCHE –> Scheggia nella pelle? Può succedere: tutti i rimedi efficaci per rimuoverla

Tali risultati sono stati pubblicati di recente sulla rivista scientifica internazionale di genetica clinica Molecular Medicine. Questo studio è di indubbio valore perché tra tutte le forme di alterazione genetica riscontrata fino ad ora legata a questo tipo di cancro questa è la più frequente.

Risultato importantissimo per la campagna di prevenzione, come anche il fatto che più copie del gene in questione sono state individuate nelle donne che hanno una famiglia con storie di tumori. Questo dimostra che l’ereditarietà è un fatto importate per lo sviluppo del cancro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *