Addio pigrizia, il metodo giapponese è sorprendente

Addio pigrizia, come fare? Grazie ad un metodo giapponese che è infallibile. Una filosofia di vita che ci fa vincere la resistenza

addio Pigrizia con metodo giapponese
Pigrizia (GettyImages)

La pigrizia è uno dei mali più comuni della nostra moderna società. Ci porta a procrastinare, rimandare, non fare ciò che in realtà ci farebbe più che bene. E molti si chiedono come cercare di vincerla? Spesso la forza di volontà non basta perché la pigrizia, a volte, è più forte anche di quella.

C’è però un metodo giapponese che è davvero formidabile. Aiuta a raggiungere gli obiettivi senza rimandare delle cose che invece aiuterebbero a vivere meglio, come fare un po’ di esercizio fisico, seguire un regime alimentare più equilibrato.

Tutto è racchiuso nella parola giapponese Kaizen, un termine che era stato coniato nel dopoguerra per indicare i passi, anche se piccoli, fatti dalle aziende locali nel processo di ripresa. Oggi, invece, viene applicato alla vita di tutti i giorni per indicare un cambiamento in meglio e un miglioramento continuo. Come funziona? Lo vediamo insieme.

LEGGI ANCHE –> Noci: benefici, valori nutrizionali e consumo giornaliero consigliato

Addio pigrizia, ecco come grazie allo Kaizen

addio Pigrizia con metodo giapponese
Gatto pigro (Pixabay)

Il Kaizen ci permette di migliorarci e vincere la pigrizia. Come? Con un insegnamento giapponese che a piccoli passi ci permette di essere più attivi, di metterci alla prova piano piano per arrivare a grandi traguardi.

Secondo questo metodo basta fare quell’azione che proprio non ci va di fare e che tendiamo quindi a rimandare per un solo minuto al giorno. Un minuto passa in un attimo ma questo ci permette di abituarsi a quella novità che via via diventa un’abitudine e verrà fatta senza più fatica.

LEGGI ANCHE –> 10 alimenti che creano dipendenza: studio svela la classifica ufficiale

Cosa fare in 60 secondi? Se siamo restii all’allenamento si può scegliere di fare un minuto di un solo esercizio come gli squat, di addominali, il salto della corda, una corsetta. Ma questo è solo un esempio per indicare che si può fare di tutto, mettere ordine in una stanza della casa, leggere un libro. Insomma tutto ciò che si rimanda così che quell’azione sarà poi un’abitudine quotidiana e piano piano i 60 secondi possono aumentare facendoli arrivare a 5 minuti, poi 10 e via via così fino a vincere quella resistenza che ci tieni fermi.

Ecco che così il Kaizen come filosofia di vita, tipica dei giapponesi, può essere applicata alla vita di tutti i giorni per migliorarsi in tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *