Coloranti naturali fai da te: tutti i passaggi per realizzarli con facilità

Vuoi far divertire i tuoi bambini o realizzare qualche lavoretto diverso dal solito? I coloranti naturali fai da te sono un’ottima soluzione a tutto ciò: scopri come ottenerli.

coloranti naturali fai da te
(foto pixabay)

Se stai trascorrendo un pomeriggio di noia o vuoi trovare un passatempo alternativo, non c’è nulla di meglio dei coloranti naturali fai di te. Realizzarli è più semplice di quello che si crede, in più il divertimento sarà assicurato.

Coloranti naturali: cosa sono

Come dice il loro nome, si tratta di sostanze che si possono ricavare da prodotti naturali. Possono essere estratti da alimenti come frutta o verdura, ma anche da spezie o ingredienti che si utilizzano solitamente in cucina. Inoltre possono essere impiegati per molteplici scopi: con essi si possono dipingere i propri vestiti, creare qualche cosmetico ma anche far dipingere i propri figli.

tela colorata
(foto pixabay)

Questi coloranti non sono soltanto utili, ma possono anche essere realizzati a casa in modo semplice. Un altro vantaggio che essi comportano sta nel fatto che scegliendo di utilizzarli si eviterà di comprare coloranti già pronti. Questi ultimi non sono particolarmente consigliati in quanto potrebbero contenere dei prodotti chimici o di origine animale.

Potrebbe interessarti anche: Colorante E150d, un pericoloso cancerogeno negli alimenti

Coloranti naturali fai da te: come realizzarli

A prescindere da quale colore si vuole creare, il procedimento è lo stesso. I prodotti di cui abbiamo bisogno per realizzare questi coloranti invece variano a seconda del colore che si vuole produrre. Vediamo come realizzare qualche colore:

Rosso

Per estrarre il colorante rosso vanno ovviamente presi dei prodotti naturali del suddetto colore. In questo caso gli alimenti più comuni sono le fragole e le ciliegie. Le prime vanno frullate ed alla fine scolate per ottenere l’inchiostro, mentre le seconde devono essere frullate una volta tolto il nocciolo. Un altro prodotto utile, meno comune, è il cavolo rosso: in questo caso bisogna pestarlo in un mortaio e frullarlo.

Verde

Il verde è il colore più semplice da produrre, perché i prodotti che possono essere impiegati sono davvero molteplici: basta pensare alla verdura. Se vogliamo realizzarne una piccola quantità basta frullare una piccola quantità di menta o prezzemolo (a quest’ultimo aggiungere un goccio d’acqua). Se invece abbiamo necessità di una grande quantità allora possiamo affidarci agli spinaci: essi vanno bolliti e di seguito frullati.

frullato di spinaci
(foto pixabay)

Arancione

Anche nel caso del colore arancione la soluzione ideale è quella di affidare alla frutta ed alla verdura. Si possono infatti frullare le carote dopo averle cotte leggermente. Un’altra ipotesi è quella di grattugiare la buccia di un’arancia oppure frullarla con un po’ di acqua.

Giallo

Per il colore giallo possiamo scegliere di utilizzare lo zafferano. Basta scioglierlo in una piccola quantità di acqua per estrarre tutto il colore possibile. Se non si ha lo zafferano si può puntare anche sull’ananas: è sufficiente frullarla, ma si deve fare attenzione a scartare la fibra presente nel frutto.

Marrone

Per il marrone ci sono due valide opzioni: il cacao ed il caffè. Il risultato è totalmente uguale ed anche il procedimento: bisogna solo mixare il prodotto scelto con dell’acqua e ricavare l’inchiostro.

caffè
(foto pixabay)

Bianco

Anche per la creazione del colore bianco possiamo scegliere tra due alternative. La prima è la farina di cocco, che deve essere grattugiata. Se non abbiamo questo prodotto possiamo scegliere lo zucchero, alimento più comune. In questo caso bisogna aggiungere in un bicchiere d’acqua la quantità di zucchero che si ritiene necessaria per ottenere la consistenza che si vuole.

Nero

Per il colore nero possiamo scegliere di utilizzare i semi di sesamo. Tutto quello che si deve fare è macinarli, in questo modo si riducono in polvere ed il risultato è ottenuto. Un altro ingrediente molto utile per garantire il suddetto colore è il carbone vegetale. Sicuramente si tratta di un prodotto più facile da reperire ed anche più utile se la quantità di colore che si vuole ottenere è maggiore. Anche in questa occasione va macinato fino ad ottenere l’effetto opportuno.

Maria Marinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *