Meglio il bagno o la doccia per il corpo? Scopri i vantaggi e gli svantaggi

Meglio il bagno o la doccia per il corpo? Cosa è preferibile per il benessere che riguarda non solo la pelle ma anche la mente? Vediamo il consiglio esperti.

bagno o doccia
(Foto Pixabay)

Per la nostra salute e la nostra bellezza, cosa è meglio il bagno o la doccia? Cosa è più sano per la nostra pelle? Qual è il consumo effettivo di acqua per un bagno o una doccia?

E tu sei per la velocità e la tonicità rigenerante di una doccia o per il relax e il piacere di un bel bagno caldo? In questo articolo andremo a chiarirvi i vantaggi e gli svantaggi del farsi una doccia o un bagno.

Bagno o doccia: quale si preferisce?

Al giorno d’oggi, la vita di tutti è molto frenetica, concedersi un momento per il proprio benessere diventa indispensabile per rilassarsi e ritrovare sé stessi.

bagno
(Foto Pixabay)

La scelta di farsi un bagno o una doccia dipende, nella maggior parte dei casi, dal clima e dalle abitudini. In Italia, a causa delle condizioni climatiche, farsi la doccia quotidianamente è più popolare che farsi il bagno.

Tuttavia, nei paesi del nord Europa o anglosassoni, la popolazione è divisa equamente tra chi punta sulla doccia e chi preferisce il bagno 2 volte a settimana circa. Proprio per lo stesso motivo ovvero il clima. Questo fattore influenza molto il sudore e di conseguenza gli odori.

Ovviamente, come è ben noto in Inghilterra, Svezia, Danimarca o Germania non fa caldo come da noi ragion per cui non sono così soliti lavarsi.

Attenzione non vogliamo con questa affermazione dire che non sono puliti ma semplicemente non sentono lo stesso bisogno nostro di una doccia, perché le condizioni climatiche permettono loro di non sudare allo stesso modo nostro.

Il perché poi preferiscano il bagno alla doccia ha anche un’altra spiegazione: la vasca da bagno in questi paesi ha una grande tradizione.

Possiamo perciò dedurre che la scelta non solo è soggettiva ma è anche geografica.

Potrebbe interessarti anche: I benefici della doccia fredda: ecco perché è un’abitudine da non sottovalutare

Meglio il bagno o la doccia: vantaggi e svantaggi

Un bagno nella vasca prevede un consumo di circa 150-200 lt di acqua e ovviamente si tira dietro anche il consumo per riscaldarla.

Partendo da questo primo dettaglio già è possibile stabilire che è più vantaggioso fare la doccia, per la quale bastano 30-60 lt. Attenzione il risparmio avviene solo se la doccia dura in totale 3 minuti e facendo attenzione a chiudere il rubinetto tra un’insaponata e una risciacquata.

Inoltre la doccia è senza dubbio un sistema igienico più adatto alla vita moderna e aiuta a carburare al mattino proprio allo stesso modo di un caffè ristretto caldo.

Se poi si utilizzano gel delicati a PH neutro, alternandoli a docce in cui utilizziamo solo shampoo per capelli, si riesce anche a prevenire l’aggressività che può generare l’assiduità.

Magari possiamo aiutare lo strato lipidico a rigenerarsi con una crema idratante di qualità, preferibilmente con oli vegetali. Ricordiamoci che l’eccesso di igiene derivante da molte docce può influire sulla salute della nostra pelle.

Perciò se vogliamo dare precedenza alla cura della nostra pelle, possiamo tranquillamente optare per il bagno piuttosto che la doccia frequente.

Il motivo di questa preferenza, come precedentemente accennato, riguarda il mantello lipidico, ovvero lo strato di grasso che ricopre la nostra pelle che funge da barriera naturale contro aggressioni e infezioni.

A tal proposito è possibile affermare che il bagno favorisce il rinnovamento dermico, per il quale occorrono almeno 20 minuti per immergersi in modo uniforme.

Infine le ultime considerazioni da fare, riguardano la pulizia e la sicurezza.  Senza alcun dubbio è possibile attestare che pulire una vasca è molto più difficile che pulire una doccia e di certo una superficie piana è più sicura e in quanto da meno probabilità di scivolare rispetto a una vasca da bagno dove la superficie è curva.

Questi appena elencanti erano i pro e i contro riguardo al bagno e alla doccia ma ciò non toglie che la valutazione resta molto personale, in quanto ognuno trova il relax in ciò che ama fare. A voi la scelta!

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *