Coronavirus e carenza di vitamina D: perché sono correlati

In che modo la carenza di vitamina D risulta correlata ad una maggiore probabilità di contrarre il coronavirus? Ecco il risultato delle ultime ricerche. 

Vitamina D, farmaco in scatola
(Foto Pexels)

Gli studi condotti dal professor José Hernández dimostrano l’importante connessione tra carenza di vitamina D e infiammazione da coronavirus. Tale correlazione è stata avvalorata dall’Università di Cantabria, in Spagna, la quale ha condotto dei test su pazienti ricoverati riscontrando come circa l’80% di essi avessero un’insufficienza di vitamina D.

L’importanza della vitamina D

La vitamina D è fondamentale per prevenire osteoporosi, in quanto ha la funzione di fissare il calcio nelle ossa. Essa inoltre difende il cuore da ipertensione e arteriosclerosi.

Elettrocardiogramma stampato
(Foto Pexels)

Se in presenza standard e regolare, la vitamina D è un importante alleata del sistema immunitario. Si elencano di seguito i valori di riferimento:

  • I valori normali di vitamina D nel sangue oscillano tra i 10 e 30 milligrammi per millilitro di sangue.
  • I valori inferiori ai 20 nanogrammi per millilitro segnano invece una carenza di vitamina D.

Regolando la produzione di insulina, la vitamina D previene anche il diabete e malattie reumatiche autoimmuni.

Potrebbe interessarti anche: Gli integratori di vitamina D: cosa sono, chi deve assumerli e per quale motivo

Le conclusioni della ricerca spagnola

I ricercatori spagnoli hanno preso a campione dei pazienti ricoverati per covid-19 in un ospedale a Santander. Effettuando dei test ed analizzandone i valori, hanno determinato come circa l’80% di essi mostrasse un’importante carenza di vitamina D. Più bassi erano i valori di vitamina D e maggiore era il tasso d’infezione causato dal coronavirus.

Ragazza con mascherina anti covid seduta su una valigia in aeroporto deserto
(Foto Pexels)

Molti medici e ricercatori ne suggeriscono infatti una previa somministrazione. La percentuale risultava particolarmente alta nei pazienti di sesso maschile, nei quali si è registrata un’insufficienza vitaminica rilevante.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: il covid-19 rimarrà o scomparirà?

Uno studio americano conferma l’analisi spagnola

Dall’Università di Chicago, alcuni ricercatori hanno confermato come la carenza di vitamina D raddoppi la possibilità di contagio. Su un campione di 500 persone, chi mostrava ipovitaminosi aveva un rischio sensibilmente più alto di contrarre il coronavirus.

Vitamina D, una prevenzione da malattie polmonari e coronavirus

Da uno studio portato avanti dalla Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica è emerso come la vitamina D aiuti a prevenire alcune malattie respiratorie, soprattutto durante l’infanzia.

Un padre solleva le braccia del figlio insieme alla madre che li guarda divertita
(Foto Pexels)

In questo articolo intitolato Coronavirus, perché i bambini si ammalano di meno, abbiamo affrontato il tema della resistenza delle difese immunitarie dei bambini, soggetti a forme meno gravi di coronavirus.

Una corretta somministrazione potrebbe dunque alleviare i sintomi causati dall’infezione di coronavirus. Febbre, tosse e infezioni polmonari sono solo alcuni degli effetti del virus il quale, a causa di insufficienza d’ossigeno, porta a gravi problemi respiratori. Non a caso, questa tipologia di virus è annoverata tra le malattie respiratorie e vascolari più tedianti.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *