Carenza di vitamina D nelle donne: come accorgersene ed il modo in cui rimediare

Quali sono i segnali che inviati dal nostro corpo che stanno a significare una carenza di vitamina D nelle donne? Vediamoli insieme e scopriamo come risolvere il problema.

carenza di vitamina D nelle donne
(foto pixabay)

Il nostro corpo ci invia dei propri segnali quando si verifica qualche problema. Scopriamo quali sono quelli che indicano carenza di vitamina D nelle donne e vediamo quali sono i rimedi giusti per allontanare il problema.

L’importanza della vitamina D

Assumere vitamina D è una cosa essenziale. Essa permette alle nostre ossa di assorbire la giusta quantità di calcio, fosforo e magnesio: dunque si può considerare una vera e propria fonte di benessere per l’organismo. Per questo motivo è soprattutto merito suo se le nostre ossa ed i nostri denti si sviluppano in maniera corretta.

carenza vitamina D
(foto pixabay)

Un’altra azione che garantisce la vitamina D è quella di regolare il livello di calcio. Inoltre impedisce a quest’ultimo di arrivare nei reni e nelle arterie, evitando quindi problemi come arteriosclerosi e calcificazione di tessuti. Infine la vitamina D ha il potere di rafforzare il nostro sistema immunitario, quindi di prevenire sia le influenze sia le infezioni.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus e carenza di vitamina D: perché sono correlati

I sintomi di carenza di vitamina D nelle donne

Quando una donna non possiede la giusta quantità di vitamina D nel proprio corpo quest’ultimo invia dei segnali ben precisi. La maggior parte delle donne però non conoscono questi sintomi. Alcuni sono davvero lievi, altri però non passano di certo inosservati.

sintomi carenza di vitamina D
(foto pixabay)

Partiamo dai muscoli, che ad un tratto perdono la loro tonicità, il tutto è accompagnato da una inaspettata stanchezza. Un altro aspetto da non sottovalutare sono i dolori alle articolazioni anche nei movimenti più semplici. Arriviamo adesso ai segnali più gravi e cioè l’insonnia ed addirittura la depressione a lungo termine.

Potrebbe interessarti anche: Annister, caratteristiche e usi di questo medicinale contro la carenza di vitamina D

Carenza di vitamina D: come risolverla

Se avete scoperto di avere una carenza di vitamina D non disperate: esistono dei rimedi appositi per riparare il danno. Basta seguirli con attenzione ed il problema verrà risolto.

Prendere il sole

Se ci troviamo nel pieno della stagione estiva prendere il sole è una buona idea per sopperire alla mancanza di vitamina D. Non serve prenderlo per lunghe ore, bensì bastano una trentina di minuti al giorno. In questo modo la vitamina D sarà presente nel nostro corpo per tutta la stagione invernale.

rimedio sole
(foto pixabay)

Scegliere i cibi giusti

Un altro rimedio è quello di consumare i cibi giusti. In cima alla lista di alimenti che contengono la vitamina D si trova il pesce azzurro, cioè tonno e salmone. Seguono poi le uova, soprattutto quelle di galline allevate a terra, che contengono circa il 30% di vitamina D. Un’altra ottima fonte è costituita dai formaggi, tra di essi la fonte maggiore di tale vitamina è il burro.

Assumere integratori

Se non si riesce a compensare questa mancanza con gli alimenti è possibile assumere degli integratori. Essi si trovano in farmacia e la loro scelta è molto varia. Alcuni sono sotto forma di compresse, altri invece sono semplici gocce. Ovviamente la dose da consumare deve essere quella riportata sulla confezione, su cui c’è anche scritto se l’integratore è adatto ad adulti, bambini o entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *