Svegliarsi di notte denota un malessere? Ecco le ipotesi

In che modo svegliarsi di notte potrebbe indicare l’origine di un malessere? Ecco alcune teorie.

svegliarsi di notte
(Foto Pexels)

Alcune teorie sostengono che svegliarsi di notte denoti un malessere. I risvegli notturni ci accompagnano, più o meno frequentemente, in determinate fasi della nostra vita. Quando si presentano, non bisogna ignorarli poiché denotano un chiaro segnale di malessere. Potrebbe trattarsi semplicemente di uno stato temporaneo di ansia e agitazione o, nei casi più  gravi, di una patologia.

Svegliarsi di notte, cosa sostiene la medicina cinese

Secondo la medicina tradizionale cinese, il sonno rappresenta un momento di quiete (lo Yin), contrapposto all’azione e all’attività diurna (lo Yang). Dormire consiste in un completo stato di inattività fisica e psichica, in cui la nostra energia è protesa verso le profondità del nostro corpo. Il rivolgersi verso l’interiorità comporta una rielaborazione degli stimoli acquisiti durante la giornata e una fase di ricarica energetica. Qualora non si dormisse correttamente, in termini qualitativi e quantitativi, questa ricarica verrebbe a mancare.

Ruota medicina tradizionale cinese
(Foto Google Images)

Come sostenuto da queste teorie, la nostra energia vitale attraversa il corpo passando per 12 organi interni, con un ciclo di due ore nell’arco della giornata (24 ore). Il momento esatto in cui ci si sveglia denoterebbe quindi un preciso malessere fisico.

  • Svegliarsi tra le 21 e le 23: problemi alla tiroide e al sistema endocrino;
  • Svegliarsi tra le 23 e l’1: problemi alla cistifellea e al sistema digestivo;
  • Svegliarsi tra l’1 e le 3: problemi al fegato;
  • Svegliarsi tra le 3 e le 5: problemi ai polmoni;
  • Svegliarsi tra le 5 e le 7: problemi all’intestino crasso.

Potrebbe interessarti anche: Quante ore bisogna dormire, tutto ciò che c’è da sapere a riguardo

L’insonnia, un problema diffuso in occidente

Circa il 45% delle persone soffrono d’insonnia in occidente. Con questo termine si intende l’incapacità di dormire correttamente, sia in termini di qualità che di quantità. Essa si presenta in due versioni: nell’impossibilità di prendere sonno e nei risvegli notturni frequenti. L’insonnia può, talvolta, essere sintomo di stress, tensione e comportare disturbi comportamentali e alimentari.

Ragazza si tiene la testa con le mani in stato di ansia
(Foto Pexels)

Potrebbe interessarti anche: Addio insonnia, i rimedi più efficaci per tornare a dormire

Le cause dell’insonnia secondo la medicina occidentale

Secondo la medicina occidentale, risvegli notturni possono essere causati da disturbi o patologie più o meno gravi.

  • La parasonnia o sonnambulismo, un disturbo del sonno molto diffuso;
  • L’enuresi, un problema relativo alla frequente necessità di minzione;
  • Disturbo bipolare, depressione o schizofrenia;
  • La sindrome delle gambe senza riposo, un problema che comporta movimenti involontari delle gambe durante il sonno ed è frequente in chi soffre di malattie cardiache;
  • Le malattie degenerative, come ad esempio il morbo di Parkinson o d’Alzheimer;
  • L’apnea del sonno, consiste in un’interruzione del respiro durante il sonno;
  • La tossicodipendenza da droghe, farmaci o alcol.

I neurologi suggeriscono di intervenire tempestivamente alla presenza di disturbi del sonno.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *