Come far ricrescere le verdure dai loro scarti in poche mosse

Ecco come far ricrescere le verdure dai loro scarti in poche semplici mosse e a casa propria: verdura fresca e meno sprechi.

Verdure
(Foto Pixabay)

Forse non tutti sanno che alcuni vegetali comunemente consumati in cucina possono avere una nuova vita dopo essere stati utilizzati. Una volta utilizzata la parte buona, gli scarti di queste verdure possono essere ripiantati per far ricrescere nuovi frutti. Sfruttando ciò che si ha già in casa si può avere in questo modo verdura illimitata a costo zero. Un’ottima idea per combattere lo spreco alimentare e risparmiare sulla spesa. Ecco come fare ricrescere le verdure dagli scarti e dai semi contenuti all’interno.

Come fare ricrescere le verdure dagli scarti

Per coltivare le verdure non sempre è necessario partire dai loro semi. L’enorme varietà di ortaggi fa sì che alcuni vegetali possano essere facilmente cresciuti in casa partendo dagli scarti alimentari. Eccone alcuni:

Porri

Fare ricrescere i porri è molto semplice, si inizia con il conservare la parte bianca finale insieme alle radici. Successivamente basterà mettere lo scarto in un bicchiere con un po’ d’acqua e lasciarlo in una zona ben illuminata dalla luce naturale. Dopo pochi giorni il porro inizierà a ricrescere e potrete utilizzare la parte che vi serve.

Porro
(Foto Pixabay)

Insalata

Per fare ricrescere l’insalata il processo ha un passaggio in più. Tagliate le foglie dal cespo si conserva il torsolo per metterlo in un bicchiere d’acqua. Quando spuntano le prime radici il torsolo è pronto per essere messo in un vaso di terra dal quale devono spuntare soltanto le foglioline. Dandole tempo l’insalata ricrescerà completamente e potrete ripetere il processo all’infinito.

Aglio

Se avete scordato di utilizzare per tempo qualche spicchio d’aglio e hanno iniziato a germogliare non buttateli via. Invece sotterrateli in un vaso con della terra lasciando spuntare fuori il germoglio verde. Posizionate poi il vaso in un punto dove può ricevere molta luce naturale e annaffiatelo con costanza. Trascorso qualche tempo sarà pronto per essere consumato.

Potrebbe interessarti anche: Aglio che germoglia, i trucchi per conservarlo a lungo

Cipolla

Tagliando la cipolla a metà potete utilizzare sul momento la parte che vi serve e mettere sotto poca terra l’altro mezzo. Dopo qualche giorno vedrete spuntare dei germogli che sono pronti per essere messi in un vaso più capiente, avendo cura di lasciare un po’ di distanza tra di loro. Impiegheranno pochi mesi per crescere ed essere pronte da mangiare.

Zenzero

Lo stesso procedimento funziona anche per lo zenzero. Se questa preziosissima radice inizia a germogliare interratela lasciando scoperto il germoglio. Questa volta però posizionate il vaso in una zona della casa senza troppa luce. Dalla terra cresceranno delle foglioline che diventeranno una pianta vera e propria che vi comunicherà quando lo zenzero è pronto per essere raccolto seccando le proprie foglie.

Zenzero
(Foto Pixabay)

Carote

La parte vicino al ciuffo verde che spunta dalle carote è lo scarto da cui partire per far ricrescere questa versatile verdura. Mettendo questo pezzetto di carota a bagno farà crescere delle piccole radici e sarà pronto per essere sotterrato.

Patate

Anche le patate quando diventano vecchie, raggrinziscono e fanno i germogli possono essere riutilizzate. Prima di metterle sottoterra vanno tagliate senza danneggiare le radici. Nel piantarle fate attenzione a metterle con i germogli rivolti verso l’alto. Come lo zenzero anche la pianta di patata fa seccare le foglie quando è pronta per il raccolto.

Potrebbe interessarti anche: 4 frutti di cui non dovreste mai buttare la buccia

Come far ricrescere le verdure dai semi

Tutti i semi all’interno di frutta e verdura possono essere seminati per fa ricrescere le piante. La zucca in particolare ha molti semi al suo interno che oltre a poter diventare un delizioso snack possono anche essere piantati.

Conservando i semi dei meloni e delle angurie dopo averli fatti seccare saranno pronti per essere seminati in primavera per avere dei succosi frutti durante l’estate.

Elena Oldani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *