Test di gravidanza agli uomini: cosa succede se a farlo è lui

Ci sono alcuni casi in cui si pensa di sottoporre al test di gravidanza anche gli uomini: ma cosa succede se un uomo risulta positivo? La risposta è più importante di quanto immagini.

test di gravidanza uomini
(Foto Pixabay)

I test di gravidanza rappresentano lo strumento più utile e diffuso per verificare se una donna è incinta o meno: va da sé che, data la sua funzione, questo piccolo oggetto in vendita in qualsiasi farmacia è comunemente affiancato alla sfera femminile.

In realtà, secondo uno studio svolto dall’American Cancer Society, ci sono alcuni casi in cui si è pensato di sottoporre al test di gravidanza anche gli uomini. Ovviamente, lo scopo non sarebbe quello di verificare se sono “incinti”, ma c’è comunque una motivazione dietro che pochi immaginano. Vediamo di cosa si tratta.

Anche gli uomini dovrebbero fare il test di gravidanza?

Il funzionamento del test di gravidanza è basato sulla rilevazione dei livelli di Beta-HCG (gonadotropina corionica umana), un ormone che viene normalmente prodotto dalla placenta umana.

test gravidanza
(foto Pixabay)

Nel momento in cui la donna entra in fase di gravidanza, questo ormone viene prodotto e i suoi livelli possono essere rilevati attraverso le urine. Ma se i livelli di Beta-HCG indicano una gravidanza in corso, perché sottoporre al test un uomo?

Oltre che dalle cellule della placenta, questo ormone viene prodotto anche da alcuni tumori. In particolare, alcuni tumori testicolari si caratterizzano per la produzione di Beta-HCG.

Da qui si può facilmente dedurre che, se un uomo risultasse positivo a un test di gravidanza, questo potrebbe essere segnale della presenza di uno di questi tumori nel suo organismo.

In realtà, secondo lo studio effettuato dalla American Cancer Society, utilizzare il test di gravidanza sugli uomini come strumento diagnostico del cancro ai testicoli non è sempre una buona idea.

Potrebbe interessarti anche: Dolore ai testicoli: quali possono essere le cause e come intervenire

Test di gravidanza per diagnosticare il cancro ai testicoli: perché non è una buona idea

Soltanto una piccola minoranza di questa tipologia di tumori, infatti, produrrà dei livelli di ormone Beta-HCG abbastanza alti da essere rilevati da un normale test di gravidanza per uso domestico.

(Foto Pexels)

Inoltre, i ricercatori segnalano che esistono alcune condizioni non cancerose che producono Beta-HCG, falsando quindi un eventuale risultato positivo.

Per questi motivi, anche se il risultato del test è negativo, non è possibile escludere del tutto la presenza di un cancro testicolare.

Di conseguenza, sottoporre al test di gravidanza un uomo non è da considerarsi il modo più giusto per diagnosticare o escludere un tumore ai testicoli.

La cosa migliore è in ogni caso affidarsi a un medico, che possa consigliare gli esami più adatti per la fondamentale attività di prevenzione che ciascuno di noi dovrebbe fare in ogni fase della vita.

Chiara Burriello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *