Perché il grasso della pancia non se ne va? I motivi per cui non dimagrisci

Il grasso sulla pancia è uno dei più difficili da perdere: come mai non se ne va nonostante gli sforzi? Ecco i motivi per i quali è difficile dimagrire in questa zona.

grasso pancia
(Foto Pexels)

La pancia piatta è il sogno di molte donne, ecco perché si focalizzano gli sforzi sul perdere il grasso che si accumulano in questa zona. A volte però sembra che sia tutto vano: l’addome è infatti uno dei punti più difficili da snellire. Complice è il metabolismo che con gli anni rende naturale l’accumulo di grasso sulla pancia che insieme a dieta scorretta e sedentarietà possono portare a una condizione dalla quale è difficile tornare indietro. Anche se è complicato, non è tuttavia impossibile perdere il grasso addominale. Ecco quali sono i motivi che finora te lo hanno impedito.

Come mai il grasso si accumula sulla pancia

L’età rende il metabolismo più lento e causa l’accumulo di grasso in primo luogo sulla pancia. Alcuni cambiamenti sono impossibili da evitare, ad esempio la menopausa incide per forza di cose sull’aspetto del corpo femminile, tuttavia è possibile limitare gli effetti estetici dell’invecchiamento. Ovviamente la dieta incide molto su questo, specialmente con il rallentamento del metabolismo è necessario fare le corrette scelte alimentari.

grasso pancia
(Foto Pexels)

La dieta è un importante fattore anche prima di questa fase della vita e sicuramente arrivare senza chili di troppo alla menopausa limiterà l’inevitabile cambiamento del corpo.

Il grasso viscerale è il responsabile dell’aumento di volume sulla pancia. Il professor Pier Luigi Rossi, specialista in scienze dell’alimentazione, ha spiegato l’anatomia dell’addome: sotto la cute c’è un primo strato di grasso sottocutaneo, dopo di esso si trovano i muscoli addominali e in profondità c’è la cavità addominale. All’interno si trovano gli organi ma non solo, è qui infatti che si accumula anche il grasso viscerale.

Potrebbe interessarti anche: Ingrassare su vita e fianchi: un rischio per la salute da non ignorare

Perché è difficile perdere il grasso viscerale

È importante cercare di evitare la formazione del grasso viscerale, e nel caso impegnarsi a perderlo, perché esso rappresenta un pericolo per la salute. Questo tipo di grasso mette a rischio il sistema cardiovascolare e predispone il corpo allo sviluppo del diabete di tipo 2. Il grasso viscerale è composto da adipociti responsabili della secrezione di citochine, delle proteine infiammatorie dannose per la salute.

Il dottor Rossi ha spegato che le molecole infiammatorie sono drenate dal sistema linfatico addominale. Quando il sistema non viene correttamente drenato il grasso non arriva nel sangue venoso e si creano delle condizioni nelle quali la massa adiposa diventa difficile da rimuovere dal grasso viscerale. Il grasso quindi aumenta di volume e di conseguenza la pancia si espande.

Il grasso viscerale inoltre può causare insulino-resistenza e steatosi epatica, condizioni che rendono più difficile perdere il grasso corporeo.

Aumentando il grasso addominale si riduce il volume della massa magra muscolare che tra le varie cose ha anche la capacità di bruciare gli acidi grassi saturi. Iniziando questo processo è quindi sempre più complicato perdere massa grassa.

Potrebbe interessarti anche: Diabete: la possibile causa scoperta dallo studio italiano sulle cellule

Gli alimenti per dimagrire sulla pancia

Il segreto per perdere il grasso viscerale è favorire la funzionalità del tessuto adiposo. Per ridurre l’infiammazione del tessuto causata dalle chitochine è importante ridurre l’assunzione di acidi grassi saturi. Gli alimenti di origine animale insieme a formaggi e salumi sono ricchi di grassi saturi e sono quindi da evitare. Anche i carboidrati glicemici sono da ridurre in quantità inseme a pane e pasta.

verdure
(Foto Pexels)

Fanno eccezione le uova e il pesce che anche se di origine animale, insieme ai vegetali, costituiscono gli alimenti ideali per perdere grasso sull’addome. Cereali integrali e legumi e gli alimenti vegetali ricchi di omega 3 sono ottimi per la dieta.

È importante bere circa due litri di acqua al giorno e non trascurare l’attività fisica. L’aerobica e le attività di resistenza sono utilissime per combattere il grasso della pancia.

Elena Oldani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *