Riaperture 1 giugno: tutto ciò che riparte da domani in Italia

L’1 giugno è la data fissata dal governo per alcune importanti riaperture. Ecco cosa sarà possibile fare da domani a livello nazionale.

riaperture 1 giugno
(Foto Pixabay)

Lo scorso mese il governo aveva stillato un calendario per l’allentamento delle restrizioni con date distribuite fino a luglio. Dopo i primi importanti cambiamenti come l’allentamento del coprifuoco dello scorso 24 maggio, siamo finalmente giunti alla nuova data per le riaperture: il 1 giugno. Questi cambiamenti saranno importanti non soltanto per la vita sociale delle persone ma soprattutto per le attività che potranno riaprire al pubblico. Vediamo cosa sarà possibile ricominciare a fare da domani in un’Italia che ha ormai abbandonato le zone arancioni e rosse.

Quali sono le riaperture

L’Italia ha raggiunto i giusti numeri per permettersi di allentare le restrizioni e inizia così piano piano a tornare alla normalità. Da domani 1 giugno nuove riaperture interesseranno il paese che ancora si trova nella quasi totalità in zona gialla. Il coprifuoco si mantiene alle 23 fino al 7 giugno, data in cui sarà spostato a mezzanotte mentre verrà finalmente abolito dal 21 giungo.

bar riaperture
(Foto Pexels)

Ristoranti

Da domani ritorna possibile per i ristoranti in zona gialla ospitare i clienti anche al chiuso e senza limiti di orario. I locali dovranno soltanto attenersi al coprifuoco delle ventitré.

Bar

Dal 1 giugno bar, pub e gelaterie potranno di nuovo permettere ai clienti di consumare stando al bancone.

Stadi e palazzetti

Anche questi luoghi riaprono per gli eventi sportivi rispettando però le regole di capienza. Soltanto il 25% dei posti a sedere potrà essere occupato mantenendo un limite generale di mille persone sugli spalti anche all’aperto.

Potrebbe interessarti anche: Riaperture, il dietrofront su matrimoni, palestre e ristoranti

Da oggi, lunedì 31 maggio, Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna passano in zona bianca. In queste fortunate regioni tutte le attività al chiuso possono riaprire, fatta eccezione per le discoteche, e il coprifuoco è per loro già abolito. Restano comunque le regole anti contagio da rispettare come il distanziamento e l’utilizzo della mascherina oltre che i protocolli anti Covid all’interno delle attività stesse.

mascherine vaccinati
(Foto Pexels)

Inoltre, qualora una nuova regione dovesse passare a zona bianca nel territorio si anticiperanno le seguenti date con effetto immediato:

7 giugno

Come abbiamo detto da questa data il coprifuoco verrà spostato di un’ora e sarà possibile rimanere fuori casa fino a mezzanotte.

15 giugno

Dal 15 giugno riapriranno i parchi a tema e sarà nuovamente possibile celebrare matrimoni e partecipare a congressi.

Potrebbe interessarti anche: Riapertura palestre: in quanto tempo si recuperano i muscoli

21 giugno

Il 21 del mese sarà definitivamente abolito il coprifuoco.

1 luglio

A luglio riaprono invece i centri benessere e quelli termali, le piscine al chiuso, le sale giochi e gli eventi sportivi al chiuso.

Elena Oldani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *