Assegno figli: a chi spetta e a quanto ammonta

A chi spetta l’assegno figli? In attesa dell’arrivo del 2022, l’assegno figli potrà essere richiesto all’Inps dal 1° luglio al 31 dicembre 2021. Vediamo insieme a chi spetta e a quanto ammonta.

assegno figli a chi spetta
(Foto Unsplash)

A chi spetta l’assegno figli? L’assegno per i figli minori è in arrivo, questa misura temporanea in attesa dell’assegno unico, che arriverà l’anno prossimo. La presentazione delle domande per richiederlo all’Inps sarà attivata a partire dal primo luglio e fino al 31 dicembre 2021. Questa procedura sarà semplificata, secondo quanto affermato dal presidente Inps. L’introduzione questo assegno “ponte” per il periodo 1 luglio-31 dicembre 2021, il cui importo è determinato in base all’Isee del nucleo familiare, è destinato a chi non ha già diritto agli assegni al nucleo familiare. Vediamo insieme nel dettaglio quindi a chi spetta e a quanto ammonta la cifra.

Assegno figli: tutto quello che c’è da sapere

L’assegno figli spetterà a chi non ha già diritto agli assegni al nucleo familiare e un importo mensile base di 168 euro per ciascun figlio minore, maggiorato del 30% in caso di due o più figli. Gli assegni al nucleo familiare già esistenti, continuano ad andare alle famiglie di lavoratori dipendenti con una maggiorazione. La maggiorazione sarà di circa 37,5 euro mensili per ciascun figlio per le famiglie che hanno fino a due figli e un aumento pari a 55 euro ciascuno per quelle con tre o più figli.

Assegno figli a chi spetta
(Foto Pixabay)

Il nuovo assegno prevede invece un importo mensile di 168 euro per ciascun figlio minore. Nel caso in cui nel nucleo siano presenti più di due figli minori l’importo sarà maggiorato del 30% per ciascuno. Secondo l’Istat invece, il 15,8% delle famiglie (circa 4 milioni) potrà beneficiare della maggiorazione degli assegni familiari, con un importo medio di circa 377 euro.

Potrebbe interessare anche: Elisabetta Gregoraci salvata dai ladri dal figlio Nathan!

L’assegno figli spetta a chi ha un Isee fino a 7mila euro e l’importo da ricevere decresce all’aumentare dell’Isee fino ad arrivare a i 50 mila euro annui, oltre il quale non si ha il diritto a riceverlo. In aiuto alle future mamme invece, ricordiamo che si può richiedere il bonus mamma domani 2021, un’agevolazione di 800 euro prevista dalla Legge di Bilancio 2017.

Come presentare la domanda

Per fare domanda all’Inps basteranno il codice fiscale e l’Iban. Se la domanda verrà presentata entro il 30 settembre 2021 si avrà diritto al riconoscimento degli arretrati a partire dal primo luglio. Se verrà inoltrata dopo il 30 settembre, si riceverà l’importo a cui si ha diritto a partire dal mese di presentazione della domanda.

Potrebbe interessare anche: Soffrite di colite? Scoprite se avete diritto al bonus dell’Inps

Chi riceve già il Reddito di cittadinanza potrà richiedere anche l’assegno figli: “In caso di beneficiario di Rdc con figli minori, carichiamo il corrispettivo direttamente sulla carta. Ma per il calcolo dell’importo complessivo si procede con una compensazione: dalla cifra dell’assegno si sottrae la quota di Rdc riferibile ai figli minori.”

Laura Della Corte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *