Gli acidi della frutta fanno male? Sveliamo tutto su questo mito

Gli acidi della frutta hanno una cattiva reputazione per colpa del nome che portano. In realtà, però, anche la nostra pelle è acida ovvero non alcalina.

mele
(Foto: Pexels)

Il loro nome scientifico è alfa, beta e polidrossiacidi, e uno tra i più conosciuti è l’acido glicolico. Si tratta di composti naturali che vengono usati, in cosmesi, per la loro capacità di trattare, efficacemente, acne e macchie. Hanno iniziato a diffondersi presso i centri di bellezza, dando vita ad un trattamento chiamato peeling. Oggi, gli A-HA, B-HA e P-HA si trovano anche in commercio. Sono presenti soprattutto nelle creme antirughe ma la loro azione esfoliante è adatta a tutt*. E poi sono naturali, perché si trovano in grandi quantità nella frutta, (da cui il nome più comune di acidi della frutta).

Come agiscono e quali sono gli AHA, BHA e PHA

cura della pelle
(Foto: Pexels)

Il loro ruolo è quello di rimuovere sporco, sebo e cellule morte, favorendo il rinnovamento cellulare; per questo possono essere utilizzati da tutti i tipi di pelle.

Potrebbe interessarvi anche: In quale ordine applicare i prodotti skincare per i risultati migliori

Sono giunti alla ribalta poiché in grado di attenuare i segni del tempo in quelle mature, riducendo la dimensione dei pori e uniformando la pelle ma sono ideali anche per combattere e contrastare la formazione di foruncoli, punti bianchi e neri, ma anche ad idratare le pelli secche.

I più noti sono l’acido mandelico e l’acido glicolico, presenti nelle creme antirughe. L’acido salicilico è invece adatto a pelli giovani e grasse, così come quello malico e lattico.

Potrebbe interessarvi anche: Quando iniziare a usare le creme antirughe?

Gli alfa, beta e polidrossiacidi sono sicuri?

acidi della frutta
(Foto: Pexels)

Nei prodotti in commercio le concentrazioni non superano il 10%, per far sì che possano essere tollerati da tutti i tipi di pelle; per un peeling più profondo, è necessario rivolgersi a dei professionisti.

Gli acidi della frutta sono sicuri, ma avendo un’azione esfoliante è necessario non abusarne. Il peeling chimico, infatti, rimuove il film idrolipidico protettivo della pelle, rendendola più sensibile, anche ai raggi solari. 2/3 volte la settimana al posto dello scrub sono più che sufficienti.

Per restare aggiornat* con news e novità dal mondo del benessere, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *