Smartphone, come proteggere il cavo del telefono: qualche consiglio utile

Smartphone, accessorio insostituibile nella nostra quotidianità. Proprio come il cavetto del caricabatterie: come preservarlo al meglio.

Usare lo smartphone fa ingrassare
smartphone (Foto di Jan Vašek da Pixabay)

Lo smartphone, ormai, è il miglior amico dell’uomo: accessorio insostituibile nel mondo globalizzato, utile per fare qualsiasi cosa. Dove c’è uno smartphone, c’è sempre un carica batterie correlato. Il cavo è quello che potrebbe dare più problemi, soprattutto rispetto all’usura del tempo: ciascuno lo arrotola, lo stressa in vari modi, fino ad accartocciarlo in taluni casi, mettendo a dura prova il suo funzionamento. L’usura del tempo, poi, fa il suo dovere e – spesso – va a incidere sulla parte vicina all’attacco.

Solitamente s’incrina fino a rompersi definitivamente: un gelido e inevitabile distacco che porta alla successiva rottura dei fili interni che ne regolano e determinano il corretto funzionamento. Come evitare questa situazione e preservare le prestazioni del cavo di ricarica? Esistono diversi rimedi, quasi tutti artigianali, che possono aiutare a conservare la qualità dell’accessorio. Anche se, dopo un certo periodo di tempo, il cavo andrà inevitabilmente ricomprato. Quando dipende dalla vostra manutenzione insieme a una rilevante percentuale di scrupolosità.

Leggi anche – Legumi secchi: la ricetta dell’estate

Smartphone, dramma cavetto: come evitarne la rottura

Schermo touch screen come pulirlo
Smartphone (Foto di Jan Vašek da Pixabay)

Il rimedio più classico è quello che riguarda la molla di una penna BIC: la classica penna a scatto, decomponibile, dotata di molla per il funzionamento. Con quella è possibile preservare la parte più fragile del cavo ponendola delicatamente nei pressi dell’attacco al dispositivo. Così facendo si rafforzerà e saranno – per quanto possibile – evitate situazioni spiacevoli.

Un’altra possibile soluzione è usare del nastro isolante da applicare alla base del cavo: quella che, appunto, precede l’attacco. Basta una stretta considerevole, magari con due tre passate, e il cavo funzionerà perfettamente evitando la rottura. Qualora si volesse ricorrere a questo metodo quando l’accessorio è già rotto, è bene sapere che il funzionamento dello stesso continuerà ad essere parziale: a intermittenza, in quanto il danno è già presente e l’apporto del nastro isolante – in tal caso – può solo tamponare l’inevitabile guasto.

La terza e ultima possibilità per preservare il cavo da smartphone e le sue prestazioni la offrono due accessori aggiuntivi – reperibili prevalentemente su Amazon – che sono spirali colorati in plastica dura (disponibili in vari colori) e l’animaletto gommoso: ha la stessa funzione della spirale o il nastro isolante, con l’aggiunta della componente estetica. Avere l’animale preferito a guardia del proprio cavetto non ha prezzo. Entrambi i supporti sono reperibili su Amazon, così come le relative specifiche di prezzo e tempi di spedizione con annesse ed eventuali pratiche di rimborso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *