Attenti se avete in casa questi biscotti: c’è il richiamo alimentare | FOTO

Arriva la comunicazione da parte delle autorità preposte di un richiamo alimentare che riguarda questo specifico prodotto. Tutti i dettagli per riconoscerlo.

Richiamo alimentare da parte del Ministero della Salute
Richiamo alimentare da parte del Ministero della Salute Foto dal web

Il Ministero della Salute ha diffuso un richiamo alimentare urgente. La segnalazione riguarda una problematica riscontrata all’interno di un prodotto per la colazione.

Si tratta infatti dei Biscotti Crich, come indicato dal marchio di questo articolo. Nuova Industria Viscotti Crich Spa è il nome o la ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato.

Tale denominazione indica anche il nome del produttore. Secondo quanto riportato nella informativa inerente questo richiamo alimentare, il problema che i controlli sulla qualità hanno portato alla luce riguarda la presunta presenza di corpi estranei all’interno delle confezioni.

Confezioni che hanno un peso esclusivamente di 500 grammi. Il numero di lotto di questi biscotti interessato dalla problematica descritta è 6031. La data di scadenza o termine minimo di conservazione è 22 luglio 2022. La sede dello stabilimento è a Zenson di Piave, località veneta situata in provincia di Treviso.

Potrebbe interessarti anche: Chiara Ferragni, l’ira degli utenti: “Depreda la Sardegna” FOTO

Richiamo alimentare, i dettagli per riconoscere il prodotto

Nonostante siano passate oltre settimane da questa dead line, il Ministero della Salute ha diffuso la notifica di richiamo alimentare solamente in data 11 agosto.

E per coloro che eventualmente abbiano ancora questo prodotto in casa, l’invito è quello di riconsegnarlo al punto vendita dove è stato acquistato in precedenza.

Potrebbe interessarti anche: Sapevi che l’acne possono averlo anche gli adulti? Ti spieghiamo il perché

Potrebbe interessarti anche: Benedetta Rossi, ricetta estiva salva cena: pizza rustica ai pomodorini, semplice e golosa

In tal modo sarà possibile ottenere il rimborso della cifra spesa. In situazioni urgenti come questa, che riguardano la salute dei consumatori, non è richiesto il dovere esibire lo scontrino di riferimento.

Le comunicazioni del Ministero della Salute sono liberamente consultabili sul sito dell’Ente. Qui esiste uno spazio apposito nel quale periodicamente vengono inserite tutte le circolari che riguardano il ritiro dalla vendita dei più disparati articoli alimentari sottoposti a delle problematiche.

Foto dal web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *