Allarme integratori alimentari: prodotto contaminato, l’allerta del Ministero della Salute

Allarme integratori alimentari: se avete questo tipo di prodotto non consumatelo, potrebbe essere contaminato. Tutti gli aggiornamenti.

allarme integratori alimentari
(Foto Pexels)

L’allerta del Ministero della Salute riguarda, questa volta, un tipo di integratore alimentare contaminato da ossido di etilene. Le direttive sono quelle di non consumare questo tipo di prodotto e di riportarlo immediatamente al punto vendita di riferimento. Durante il mese di agosto, gli alimenti ritirati e segnalati al Ministero sono stati molteplici. Tutti gli ultimi aggiornamenti sul lotto di integratori coinvolto nel ritiro.

Allarme integratore alimentare: rilevata presenza di ossido di etilene

Capita spesso che alcuni prodotti vengano ritirati dal mercato, questo perché solitamente durante gli esami a campioni si rileva la presenza di sostanze tossiche. E’ questo il caso di un lotto di integratori alimentari a marchio Curcudyn, prodotti in Germania da un’azienda belga Metagenics. Paradossalmente molti di noi si recano al supermercato o alla propria erboristeria di fiducia per acquistare un prodotto, come gli integratori, che dovrebbero tutelare la nostra salute. Magnesio, potassio, ferro, sono tanti i supplementi alimentari in commercio che, ricordiamolo, non sostituiscono mai una dieta equilibrata e ben programmata da un nutrizionista.

allarme integratori
(Foto Pexels)

Tuttavia questi prodotti ci aiutano nella frenesia della vita quotidiana per combattere ansia, stress, stanchezza. In alcuni casi, migliorano notevolmente la resistenza e le prestazioni sportive. In questo caso però, l’integratore in questione è stato ritirato dai supermercati per la presenza di una sostanza altamente tossica per l’uomo: l’ossido di etilene.

Tutti i dettagli sul lotto di integratori sequestrato

L’allerta del Ministero coinvolge un integratore alimentare tedesco a base di curcuma e zenzero. Il marchio è Curcudyn e la casa di produzione Metagenics, dal Belgio. Ricordiamo che, in paesi al di fuori dell’Unione Europea, è consentito l’utilizzo di sostanze dannose come l’ossido di etilene, sebbene in minima parte. Questa sostanza infatti si impiega, spesso nelle industrie chimiche e farmaceutiche, come disinfettante e sterilizzante. I suoi effetti sull’uomo, tuttavia, sono estremamente dannosi. La casa belga produttrice dell’integratore si occupa di micro nutrizione, ovvero di produrre supplementi alimentari in grado di favorire il corretto funzionamento dell’organismo.

Potrebbe interessarti anche: Richiami alimentari della settimana: integratori alimentari, pasta, spezie e gelati

In questo caso, l’integratore in questione Curcudyn è un valido sostegno per muscoli, cartilagini e articolazioni. Se non fosse che, al suo interno, sono state rinvenute tracce di ossido di etilene. Il Ministero raccomanda dunque di non consumare il prodotto. I lotti incriminati sono da 60 o 80 capsule e recano i numeri: 2104479, 2103654, 2104685, 2104475. Il RASFF, sistema di allerta per alimenti e mangimi, ha infatti rilevato un’importante concentrazione di ossido di etilene al suo interno. Alti livelli di questa sostanza risultano cancerogeni.

Per ulteriori informazioni consultare il sito ufficiale del Ministero della Salute.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *