Fiori e piante, quali tenere in casa: il ritorno delle aromatiche

Fiori e piante, quali tenere in casa e come comportarsi con la mezza stagione. La domanda crescente di esemplari aromatici sottolinea un’esigenza specifica.

Far fiorire la sansevieria
Sansevieria fiorita (Screenshot da Instagram)

L’estate è finita, l’autunno è agli inizi: la mezza stagione è il periodo ideale per iniziare nuove coltivazioni dal punto di vista ambientale. Gli amanti del pollice verde sono pronti a mettersi nuovamente in gioco per animare i propri balconi in ambienti casalinghi e di lavoro.

Impreziosire i luoghi importanti del vissuto è un’occasione di confronto e maturazione per affrontare le stagioni più fredde con un altro piglio. L’ideale sono delle piante aromatiche, in grado di arricchire qualunque stanza o spazio chiuso con un profumo ammaliante e un aspetto piacevole: diverse qualità, attualmente, sono in commercio per definire un’offerta sempre crescente data la domanda di mercato in costante aumento.

Fiori e piante, tornano le aromatiche: le 5 tipologie più richieste

fiore
(Foto Pixabay)

I più indicati, in questo periodo dell’anno sono i narcisi bianchi: il proprio composto cromatico offre luminosità ai balconi e a ciascun ambiente di riferimento. La loro conformazione, poi, sprigiona una fragranza particolarmente aromatica. Infatti sono consigliati per dare un tocco di novità alle case, specialmente quando sono appena comprate in modo da avere immediatamente una caratterizzazione.

In seconda battuta ci sono le orchidee che possono assumere varie forme a seconda di come vengono curate: i loro colori restano piuttosto forti, si consiglia l’orchidea gialla per dare una sferzata all’ambiente e anche sotto il profilo olfattivo è una pianta che sa dare pienezza al contesto in cui è inserita. Stessa cosa per la lavanda che, però, essendo coltivata in prevalenza all’aperto, ha bisogno di molta luce.

Luminosità che spazi arieggiati possono garantire. Infine troviamo i gerani odorosi o l’eucalipto che, fra le altre cose, ha un potere curativo in grado di alleviare anche qualche malattia di stagione. Ottimo rimedio contro i primi freddi e il raffreddore, discriminante perenne della mezza stagione. Una pianta può dire molte cose, talvolta più di quanto si creda, rispetto agli ambienti ma soprattutto su chi li popola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *