Quanto ti sai concentrare? Dipende da cosa vedi: test

Quanto ti sai concentrare? Dipende da quale immagine vedi: fai il test e scopri quanto sia efficace la tua capacità di concentrazione

test concentrazione
da pixabay

Le nostre vite oggi ci richiedono sempre un certo grado di concentrazione: mentre guidiamo, studiamo e lavoriamo, c’è necessità che il nostro cervello mantenga il focus su quello che facciamo. Non è sempre semplice: alle volte siamo stanchi, alle volte ci portiamo dietro un pensiero più grande rispetto a quello che stiamo facendo. La concentrazione, d’altra parte, tende ad abbassarsi naturalmente dopo un po’ di tempo, che è biologicamente determinato per tutti.

Abbiamo per questo bisogno di pause frequenti. Ovviamente la capacità di concentrarsi, può dipendere da molti fattori ma è anche vero che può essere allenata o supportata con degli integratori.

E tu? quanto bene riesci a concentrarti? fai il test e scoprilo.

Ti potrebbe interessare anche->Dimmi cosa vedi e ti dirò cosa ti manca in amore: test

Quanto ti sai concentrare? Fai il test e scoprilo subito

test concentrazione
dal web

Eccoti l’immagine. Dovresti, per goderne appieno i frutti fermarti un momento, sospendere tutte le attività di questo momento. Siediti e prenditi qualche minuto: di una pausa non ci è mai morto nessuno. Anzi, semmai il contrario.

Come vedi l’immagine riporta, su uno sfondo tra il verde e il bianco, due tronchi ramificati che richiamano alla mente una sorta di foresta. Se però la tua mente è concentrata, concentrata davvero, riuscirà senza problemi ad andare oltre le apparenze. A quel punto ti sarà chiaro che, ad esser disegnato, non è solo una foresta ma anche qualche altra cosa.

Ti potrebbe interessare anche-> integratore alimentare richiamato per tracce di ossido di etilene

Dimmi, cosa vedi? Se vedi anche un profilo femminile, leggermente girato verso chi guarda, vuol dire che sei concentrato perché l’immagine non ti ha tratto in inganno ma sei stato abbastanza rapido e focalizzato da riuscire ad interpretarla.

Lo scopo dell’immagine è infatti proprio questo: riuscire per un attimo a placare la mente e a disperdere i pensieri affannosi a due mani, favorendo la lucidità e quindi la capacità di concentrazione.

Allora, com’è andata?

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *