I furbetti del canone Rai: il fisco prende provvedimenti

I furbetti del canone Rai trovano sempre un modo per non pagare: stavolta il Fisco ci si mette di punta e prende provvedimenti

canone rai: il fisco interviene contro i furbetti
da pixabay

La fruizione di contenuti digitali di intrattenimento è un must nelle nostre vita: da pc, da tablet, da vari ed eventuali. Sappiamo che, per quanto riguarda la Rai, radio televisione italiana, dobbiamo pagare una piccola tassa che arriva direttamente sulla bolletta dell’elettricità.

Si da’ per scontato infatti che, chi abbia l’elettricità, abbia un televisore e, chi abbia un televisore, guardi Rai. Nonostante la Rai abbia concesso, giustamente, la possibilità di non pagare per chi fosse in condizioni di indigenza e  la possibilità di sospendere il canone laddove non si possegga un televisore, ci sono ancora i furbetti che aggirano il pagamento.

Giustamente, il fisco stavolta ha provveduto ad organizzare un piano di interventi mirato per sanzionare questi soggetti, anche nel rispetto di coloro che invece rispettano tutti i pagamenti e le scadenze.

Ti potrebbe interessare anche-> Caffè al burro: incubo o genialata? La nuova moda dagli Usa

Furbetti, ecco cosa rischia chi non paga il canone Rai: l’intervento del fisco

canone rai: il fisco interviene contro i furbetti
da pixabay

La situazione in realtà è molto più critica di quanto non si pensi: dalla nota di aggiornamento al def emerge che 2,67 milioni di famiglie non versano la tassa. Il dato, aggiornato al 2019, calcola quindi un’evasione di 241 milioni di euro.

Ti potrebbe interessare anche-> Bonifico bancario, attenti alla truffa diffusa: come difendersi

E’ una falla non da poco: il fisco ha perciò deciso di intervenire. Per prima viene notificato, una volta scoperto il furbetto in questione, un avviso per mettersi in regola con i pagamenti. E’ però l’ultimo avviso con le buone, per dire così, e bisogna in questa fase essere celeri.

Se non ci si muove in questa direzione, si procede al recupero forzoso dell’importo dovuto. E’ previsto nei casi più gravi anche il pignoramento.

Serena garofalo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *