Gnocchi alla Sorrentina: gusto e tradizione nel piatto

Gnocchi alla sorrentina, ricetta partenopea che cattura gusto e appetito degli appassionati. La cucina napoletana è ricca di sfiziosità e prelibatezze.

Gnocchi alla Sorrentina, la ricetta (Screenshot video Youtube)

I primi freddi cominciano a caratterizzare le giornate: l’autunno è anche fare i conti con l’imprevisto, nel vestiario, nelle coperte del letto, nell’alimentazione. Non si sa come vestirsi, quanto coprirsi e come mangiare. Quanto, invece, dipende dalla sopportazione e dalla fame che può sopraggiungere nei momenti più disparati. È già il momento di lasciarsi andare a piatti più calorici, o forse sarebbe meglio aspettare ancora un attimo prima di lasciarci travolgere da gnocchi, polenta e bollito?

Leggi anche – Olio essenziale al limone: ecco come prepararlo in casa

Gnocchi alla Sorrentina: gli ingredienti

Preparare Gnocchi di zucca speck e taleggio
La ricetta degli gnocchi alla Sorrentina (Screenshot video Youtube)

Se lo chiedono in molti, in attesa di capire la risposta migliore, è bene tener presente che esistono numerose pietanze in grado di arricchire il nostro menù: gli gnocchi alla Sorrentina sono, certamente, una di queste. Rispecchiano la tradizione partenopea e danno adito a una serie di suggestioni – culinarie ed emotive – senza tempo. Il sugo, corposo e ricco di gusto, invade la nostra tavola e i sensi con una grazia e un sapore che non ha eguali. Proprio come la preparazione del piatto. Gli ingredienti sono quelli della tipica ricetta partenopea, all’occorrenza con qualche variante:

  • 500 gr di patate (pesate con tutta la buccia)
  • 150 gr di farina ’00
  • 2 cucchiai di uovo sbattuto
  • sale
  • 700 gr di passata di pomodoro San Marzano (meglio se passata fatta in casa)
  • 3 cucchiai di olio extravergine
  • basilico fresco
  • 350 – 400 gr di fiordilatte o mozzarella perfettamente sgocciolata
  • 4 – 5 cucchiai di parmigiano oppure grana
  • sale

Le quantità previste sono per 4 persone. In caso di aumento o diminuzione dei commensali regolarsi di conseguenza, la resa del piatto rimane comunque all’altezza delle aspettative. Proprio come abbiamo imparato a conoscere nella tradizione campana. I colori vivi e il gusto succulento saranno il valore aggiunto di un piatto che non conosce limiti, a tavola e nei ricordi degli appassionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *