Castagne buonissime? Ecco svelato il segreto: è semplice

E’ giunto l’autunno e con lui le castagne: ecco il trucco per farle buonissime e stupire tutti i vostri ospiti e familiari

come fare delle ottime castagne
castagne (pixabay)

Le castagne, figlie desiderate dell’autunno. Calde, croccanti e dal sapore avvolgente e delicato. Si fa presto però a dire castagna ma…provate a cuocerle. C’è sempre un errore in agguato ed ecco che le nostre sono difficili da sbucciare, bruciate, troppo friabili, salate, troppo poco salate. Insomma, una vera e propria croce.

Neppure a dire che si può comprarle in strada, dove spesso sono vendute in un cartoccio da acquolina in bocca: si vendono, ahimè, a peso d’oro. Ma ci sarà un modo per farle in casa buone come comprate? Ovvio che c’è, basta leggere.

Scommettiamo verranno fuori dei marroni da far tirare il fiato a tutti i presenti?

Ti potrebbe interessare anche-> Focaccia ligure, come condirla in modo sfizioso

La ricetta per delle castagne perfette

come fare delle ottime castagne
venditore di castagne (pixabay)

Come ben saprete per fare delle buone castagne non vi sarà richiesto molto: un coltello ben affilato, della carta da forno e ovviamente almeno un chilo di questi frutti nella variante che preferite. Lavate accuratamente le castagne sotto il getto d’acqua corrente, riempite una ciotola con dell’acqua fredda e metteteci dentro le vostre castagne pulite. Devono rimanere in acqua per circa un’ora: quelle che salgono a galla, gettatele via.

Ti potrebbe interessare anche-> Castagne dopo l’autunno: come conservarle fresche a lungo

Trascorsa che sarà un’ora, dovete inciderle profondamente sulla parte del guscio bombata: abbiate cura di far bene questa parte perché durante la cottura  aumentano di volume e rischiano di esplodere. Finito questo passaggio, disponetele su una teglia e copritele con la carta da forno, precedentemente bagnata e strizzata. Lasciate cuocere per circa mezz’ora o almeno fin quando saranno scure in superficie.

Subito dopo la cottura, avvolgetele in un canovaccio bagnato e poi servite ancora calde.

Serena Garofalo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *