“The Dirty Dozen”: la lista nera dei cibi inquinati dai pesticidi

“The Dirty Dozen”, cioè i dodici cibi più inquinati dai pesticidi che solitamente si usano per la coltivazione di alimenti salutari

"The dirty dozen"
Vegetali ( pixabay)

Dovrebbero essere cibi sani che ci fanno bene, ricchi di proprietà benefiche ed invece sembra non essere così.  Si tratta principalmente di frutta e verdura, gli alimenti salutari per eccellenza, e sono gli alimenti con cui più spesso si usano pesticidi durante la loro coltivazione.

Tali pesticidi, oltre ad avvelenare l’ambiente, avvelenano in primis anche noi. Sempre più spesso si parla di metodi di coltivazione più salubri e rispettosi dell’ambiente e di noi esseri umani ma perché queste idee diventino fattive la strada è ancora lunga.

Insomma, eccoci a pagarne le conseguenze. Frutta e verdure contaminati a tal punto che non basta sciacquarli e possono far seriamente male anche alla salute dei più piccoli.

Potrebbe interessarti anche-> Il limone abbassa la Glicemia, vero o falso?  il parere degli esperti

“The Dirty Dozen”, la lista nera dei cibi inquinati

"The dirty dozen"
Ortaggi (pixabay)

Si chiama “Dirty Dozen” ed è l’eloquente nome dato alla lista stilata dall’ Enviroment Work Group, un gruppo ambientalista americano: questa consta dei dodici cibi più inquinati, come spiegato prima. Vediamo quali sono questi cibi: com’è ovvio, siamo lontani dal dire che questi non debbano più essere consumati, ma andrebbero scelti nella loro variante bio.

1. Fragole

2. Spinaci

3. Cavolo riccio 

4. Nettarine

5. Mele

6. Uva

7. Ciliegie

8. Pesche

9. Pere

10. Peperoni piccanti

11. Sedano

12. Pomodori

Ti potrebbe interessare anche-> aumenti del gas in bolletta, la situazione è davvero critica

Inoltre potrebbe aiutare pulire bene queste verdure: se non sono troppo morbide, possiamo pensare di usare una spazzola. Inoltre, il lavaggio deve esser fatto sotto l’acqua corrente e non dentro l’acqua stagnante della bacinella. A questa lista nera, è contrapposta una bianca, dei cibi meno inquinati e che quindi possono essere una valida alternativa. Tra questi il settanta percento dei campioni testati non avevano tracce di pesticidi. Segnaliamo quindi tra gli altri:  melone cantalupo, melone dolce, funghi, cavolfiore, kiwi, cavolo, broccoli, asparago, melanzane, cipolle.

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *