Il limone abbassa la glicemia, vero o falso? Il parere degli esperti

E’ vero che il limone abbassa la glicemia? Il parere degli esperti e i modi alternativi per tenere a bada il livello di zuccheri nel sangue.

limone abbassa glicemia
(Foto Pexels)

Un problema comune di chi soffre di diabete è il livello di glicemia e zuccheri presenti nel sangue. Tra le soluzioni meno quotate c’è quella del limone che, secondo molti, abbassa la glicemia. In effetti, gli esperti confermano che alcune parti del limone normalizzano i livelli di insulina, specie dopo i pasti. Tutti i dettagli.

I cibi che abbassano la glicemia e il ruolo fondamentale del limone

Ci sono tanti cibi che aiutano ad abbassare i livelli di glicemia e zuccheri nel sangue. Come suggerivamo nell’articolo Spuntino per diabetici: 5 soluzioni per tenere a bada la glicemia, il segreto per prevenire questa patologia è: fare dei piccoli spuntini proteici, a ridotto contenuto di grassi e zuccheri, prima di andare a dormire. E tra i cibi consigliati per questo spuntino figurano frutta secca (ricca di vitamine e grassi buoni), ma anche carciofi che abbassano il livello del colesterolo cattivo, uova, ceci e carote. Inoltre, sembra che il limone abbassi notevolmente il livello di glicemia nel sangue. Scopriamo perché.

limone
(Foto Pexels)

Potrebbe interessarti anche: Sgrassatore al limone: bastano cinque minuti per prepararlo in casa

Tutti i benefici del limone: cosa contiene

Tra le vitamine che contiene, quella predominante del limone è sicuramente la vitamina C. Inoltre contiene potassio, beta-carotene, criptoxantina, luteina e zeaxantina: dei potenti anti ossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi. L’acido citrico, i pineni e il limonene sono altre sostanze contenute nel succo e nella scorza del limone. In particolare l’acido citrico sembra che abbassi notevolmente il livello di glicemia nel sangue. Ma, tra i più importanti figurano senz’altro il limonene (che, tra le altre funzioni, è anche un potente insetticida) e l’olio essenziale di limone.

Potrebbe interessarti anche: Buccia di Limone: tre usi che non credevi in cucina

Il primo ha un’efficacia anti sgrassante e digerente, mentre il secondo è un anti batterico e anti infiammatorio. La scorza del limone bollita può aiutare ad attenuare nausea, vomito e dolori allo stomaco per le sue proprietà altamente digestive. Insomma, quante volte le nostre nonne ci avranno preparato il famigerato “canarino” per permetterci di digerire il pasto consistente, magari preparato da loro stesse? Ebbene, questo si deve in particolare alle proprietà benefiche del limone che, inoltre, abbassa il livello di glicemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *