Sindrome di Superwoman: che cos’è, chi ce l’ha e come fare per gestirla

Avete mai sentito parlare della sindrome di Superwoman? Oggi capiremo di cosa si tratta, chi sono le donne che potrebbero averla e come gestirla al meglio.

sindrome di superwoman
(foto pexels)

La sindrome di Superwoman non è molto conosciuta, per questo motivo non se ne parla quasi mai. Tuttavia approfondire l’argomento è importante, soprattutto perché tante donne potrebbero averla senza saperlo. Andiamo quindi a fare una panoramica generale su questa problematica, in maniera tale da capire anche come comportarsi a riguardo.

Che cos’è la sindrome di Superwoman?

La sindrome di Superwoman è considerata colpisce tantissime donne, tant’è che è stata definita da alcuni esperti l’epidemia del XXI secolo. La cosa particolare però sta nel fatto che alcune donne non si accorgono di averla, questo perché di certo non si tratta di qualcosa di grave, ma a lungo andare potrebbe comportare delle conseguenze. Questa vera e propria sindrome riguarda le donne che adempiono a mille impegni al giorno.

donna in ritardo
(foto pexels)

Che si tratta di lavoro, faccende domestiche o piccole commissioni, esse non si fermano un attimo. Non solo: tutti questi impegni devono essere portati a termine in maniera impeccabile. Finché non sarà così queste donne non si fermeranno e non saranno mai contente fino in fondo. Ma la cosa che preme di più la loro indole è quella di aiutare il prossimo, cioè tutte le persone che fanno parte della loro vita. Esse si prendono cura di chiunque, spesso anche quando nessuno glielo chiede.

Potrebbe interessarti anche: Superare la sindrome post vacanze in otto semplici passaggi

Il ritratto della Superwoman

Ma qual è il profilo della Superwoman? Si tratta di una donna che nel corso della sua vita ha ricevuto poche attenzioni, ecco perché le viene quasi naturale prendersi cura degli altri. Questo è anche un modo per ricevere eventuali complimenti ed attenzioni mai ricevute in passato. Inoltre esse sono convinte di essere invincibili, di non aver bisogno di nessuno. Quando ti chiedono se ti serva aiuto in qualsiasi cosa rifiutano categoricamente senza pensarci due volte.

Le conseguenze della sindrome

La sindrome di Superwoman però comporta delle conseguenze da non sottovalutare assolutamente. Ovviamente andiamo subito a vederle, in maniera tale che le donne possono capire meglio se essa appartiene anche a loro. Il fatto che esse corrano in lungo ed in largo tutti i giorni senza fermarsi nemmeno un secondo comporta a lungo andare altissimi livelli di ansia e stress. Tutti hanno bisogno di staccare la spina almeno un paio di ore al giorno, e presto tutte le Superwomen crolleranno.

conseguenze sindrome superwoman
(foto pexels)

Come se non bastasse, la loro ambizione è fare sempre di più e sempre meglio. Più passa il tempo e più la loro vita diventa frenetica. Di conseguenza esse sono caratterizzate anche dall’insonnia. Durante la notte non riescono a rilassarsi e riposare a dovere, poiché nella loro testa c’è solo il giorno dopo e tutti gli impegni che esso comporta. Con il tempo tutto ciò si potrebbe comportare anche un senso di stanchezza cronica, seguita da un inevitabile depressione.

Potrebbe interessarti anche: Sindrome di Edwards, anche chiamata Trisomia 18, malattia genetica.

Sindrome di Superwoman: come gestirla?

Veniamo adesso alla domanda più importante, fondamentale per tutte quelle donne che non sono esenti dalla suddetta sindrome. Come fare per gestirla? Il primo segreto è quello di mostrare le proprie debolezze senza vergogna. Può capitare di essere troppo stanche per fare qualcosa o semplicemente di non avere voglia. Bene, non fatelo. Prendetevi un’ora del vostro tempo per rilassarvi piuttosto che portare a termine degli impegni magari anche secondari. Sarà un beneficio non indifferente.

quadretto familiare
(foto pexels)

Se proprio non riuscite a fare a meno di lasciare qualcosa di incompiuto potete farla comunque, ma con una piccola variazione. Potete iniziare a chiedere l’aiuto di qualcuno a voi vicino. Non c’è nulla di male nel fare le cose insieme, del resto avete aiutato sempre tutti, ogni tanto anche voi ne avete bisogno. Potete fare le faccende domestiche insieme ai vostri figli, o dividervi le commissioni con il vostro partner. In questo modo non avrete l’esigenza di correre contro il tempo e migliorerete anche le vostre relazioni personali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *