Chips di zucca: per sgranocchiare ma in maniera salutare

Chips di zucca: patatine sfiziose e croccanti da sgranocchiare anche davanti ad un film senza perdere la retta via della buona alimentazione

chips di zucca ricetta
zucca (pixabay)

La zucca è tornata a far trionfare le nostre tavole: dal sapore così buono che si adatta a ricette dolci tanto quanto a quelle salate, conquista davvero ogni palato.

Oggi è con la zucca che andremo a proporre una ricetta per i più golosi: magari quelli messi a dieta per cause di forza maggiore. Se vi è preso un po’ di appetito e non potete deviare dal vostro regime alimentare sano, vi propongo le chips di zucca: gustose e croccanti, potrete sgranocchiarne quante vorrete. La zucca infatti non è solo ricca di proprietà benefiche ma anche poche calorie.

Ottimo, direi.

Ti potrebbe interessare anche-> Torta fit di mele e albumi: restare in forma con i dolci proteici

La ricetta delle chips di zucca, golose e sane

chips di zucca ricetta
campo di zucche (pixabay)

Per prima cosa prendete la vostra zucca e, dopo averla lavata, tagliatela con un coltello ben affilato. Le fettine dovranno essere di circa mezzo centimetro di spessore. Di meno, rischierebbero di bruciarsi o venire troppo secche, di più…avete mai visto delle patatine che fossero più spesse di così? Perché noi no.

Ti potrebbe interessare anche-> Zucca al forno, bastoncini veloci e leggeri, con pochissime calorie

Dovete poi badare che le vostre patatine abbiano tutte lo stesso spessore. Non dico di mettersi lì con il righello, ma a occhio e croce cercate di ottenere un risultato quanto più possibile unitario. La buccia potete scegliere voi, se tenerla o cestinarla. Ovviamente, se scegliete di tenerla, abbiate cura di pulire bene la zucca.

Inoltre, per renderle croccanti, si può usare la farina o meno. Nel primo caso, impanatele, aggiungete un filo d’olio e qualche aghetto di rosmarino. Nel secondo caso invece, senza farina, mettetele in una ciotola con olio, sale, pepe e rosmarino.

Infornatele in un forno ventilato e fate attenzione di non averle disposte troppo vicine l’una con l’altra, per evitare l’effetto “massa informe non identificata”

Serena garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *