Peperoncino in pieno inverno? Non un’utopia

Volete far sopravvivere il vostro peperoncino in pieno inverno? Non è più solo un’utopia: vi spiegherò il modo di farlo sopravvivere.

come coltivare peperoncino in inverno
peperoncino (pixabay)

Per il suo colore e il suo gusto che rende vivo qualsiasi piatto, il peperoncino è una piantina molto coltivata. Se in natura però questa è una pianta perenne, se coltivata difficilmente riuscirà a superare le basse temperature invernali, morendo spesso congelata. Questo potrebbe voler dire essere costretti a comperare questo ottimo condimento dagli scaffali del supermercato nella stagione fredda, guardando le nostre piantine sfiorire.

Non a caso sono piante che provengono da zone calde, ossia la zona tropicale americana. Esiste però un metodo che potrebbe salvare la nostra coltivazione: si tratta di indurre la pianta ad una sorta di congelamento. Curiosi di sapere come si fa? Iniziamo subito.

Ti potrebbe interessare anche-> voglia di fiori in Ottobre? tre modi per far fiorire un Giacinto

Peperoncino in pieno Inverno: il trucco è mandarlo in letargo

come coltivare peperoncino in inverno
cesoie (pixabay)

Per prima cosa, sarà necessario compiere questa operazione quando le temperature minime saranno rasenti ai dieci centigradi e le luce di sole non più così tante. Il nostro peperoncino, infatti, non potrebbe sopportare oltre. Inutile dire che, quando andrete a scegliere l’esemplare da preservare, sarebbe buono che optaste per gli individui più sani, che non minaccino infezioni, insetti o batteri.

Ti potrebbe interessare anche-> Piante da esterno facili da coltivare anche per chi non ha il pollice verde

Tutto sta nel trovare un luogo- se avete una serra ancora meglio, o nella mancanza di questa va anche bene un qualsiasi altro luogo che abbia certe caratteristiche- che abbia una temperatura costante tra i dieci e i venticinque centigradi. Nel periodo in questa rimarrà a riposare, riducete al minimo le irrigazioni, o correte il rischio che marcisca.

Altra attenzione si deve alle radici: se la nostra pianta era coltivata in vaso, sarà necessario toglierne una parte. Così come, se era coltivata in terra, bisogna comunque accorciarle. Ricordate di effettuare l’operazione con delle cesoie disinfettate.

serena garofalo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *