Vecchie mollette? Diventano un oggetto di uso quotidiano

Come trasformare vecchie mollette
mollette stese (pixabay)

Le nostre case sono spesso piene di oggetti che, oramai vecchi e consumati, giungono a fine vita: il più delle volte li cestiniamo senza pietà in modo assai rapido, senza chiederci se, in un’altra veste, questi possano essere ancora utili.

Per la maggior parte di questi neo-rifiuti un’altra vita è possibile: basta solo individuarla con un po’ di fantasia. Le mollette vecchie, ad esempio, possono diventare un portatovaglioli, oggetto di uso comune e molto utile alla vita di sempre.

Ti potrebbe interessare anche-> Mai più problemi di spazio nel tuo armadio: piega così i tuoi vestiti

Vecchie mollette? Si trasformano facilmente in un portatovaglioli: il procedimento

Come trasformare vecchie mollette
Mollette colorate (da pixabay)

Te ne serviranno circa 34 che non devono più assolvere al loro compito primario e della colla a caldo. Per prima cosa, serve un attimino di pazienza: prendi ciascuna molletta e stacca la molla centrale che unisce i due lati. Poi dovrai ricomporre ciascuna di queste al contrario, incollando cioè i due lati lunghi delle nostre tra loro.

Ti potrebbe interessare anche-> Sbadigliare tanto? No, non hai dormito poco. La vera ragione

Ora prendi sedici di queste e incollale l’una con l’altra: quel che dovresti ottenere, se hai fatto tutto correttamente, è una sorta di semi-cerchio con i raggi. Ripeti la stessa operazione con le altre sedici: avrai così entrambi i lati del tuo portatovaglioli.

Ora dovresti prendere tra quelle che rimangono due  non ancora incollate e disporle l’una accanto all’altra, incollandole dal bordo. Come intuisci, questa operazione serve a unire i due raggi di mollette che precedentemente hai messo assieme. Fai lo stesso con altre due, dall’altra parte.

Lascia che trascorra un po’ di tempo perché la colla si asciughi, se vuoi evitare l’effetto carta appiccicata ovunque. A quel punto potrai mettere nel tuo portatovaglioli tutta la carta che vuoi.

Sfoggialo con fierezza!

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *