Vellutata di zucca, falla buona: i trucchi della ricetta

Vellutata di zucca, i trucchi per farla buona come non ti è mai riuscita: ecco svelati i trucchi che ci sono dietro la ricetta

vellutata di zucca ricetta
vellutata di zucca (pixabay)

E’ sicuramente la regina delle nostre tavole, la zucca. Fare la vellutata, uno dei piatti che più si usano, non è sempre facile. Ad esempio, sapevate che se vi viene troppo liquida potere rimetterla sul fuoco per farla stringere un po’?

E se invece è troppo asciutta potete allungarla con del brodo? Insomma, oggi vediamo come tirar fuori una vellutata degna del suo nome e sorprendere i nostri commensali.

Ti potrebbe interessare anche-> Lasagna alla zucca: ricetta veloce senza friggere nulla

Vellutata di zucca, ecco i segreti della ricetta

vellutata di zucca ricetta
zucca (pixabay)

Per fare la nostra vellutata, ci vuole:

  • 800 gr brodo vegetale
  • 1 kg polpa di zucca
  • 2 porri
  • 200 gr patate
  • 100 gr panna liquida
  • sale
  • pepe nero
  • noce moscata
  • olio

Ti potrebbe interessare anche-> torta salata di zucchine senza farina: la ricetta light con sole 130 Kcal

Bisogna per prima cosa partire dai porri: lavateli e tagliateli a rondelle. Mettete in padella con un filo di olio e lasciate che soffriggano, stando però attenti al fatto che non brucino. Passate poi alla nostra protagonista incontrastata, la zucca. Pesate la quantità di polpa che vi serve, dopo ovviamente averla pulita e tagliata.

Individuata la quantità voluta, tagliatela a cubetti. Fate lo stesso con le patate, tagliatele a cubetti. Ora, fate saltare in padella questi tre ingredienti perché prendano sapore: zucca, porri, patate. Una volta insaporiti, aggiungete il brodo caldo.

Ora non dovrete far altro che mescolare gli ortaggi di tanto in tanto fin quando non si saranno ammorbiditi. Aggiungete la panna liquida, la noce moscata, il sale e il pepe nero dopo circa venticinque minuti.

Armatevi di mixer: passate tutto fino ad ottenere una consistenza cremosa. Potrete poi magari anche passare il composto in un colino, per renderla ancora più morbida.

Servite e assaporate.

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *