Farina di Manitoba e le sue caratteristiche: i pro e i contro

Come per ogni cosa anche utilizzare la Farina di Manitoba ha dei pro e dei contro, ecco di che si tratta e quali sono le sue caratteristiche

Farina Manitoba pro e contro
Farina tra le mani (Screenshot da Pexels)

La Farina di Manitoba è originaria del Nord America, da tempo però viene coltivata anche in Europa. Si tratta di una farina di grano tenero raffinata, utilizzata soprattutto per preparazioni a lunga lievitazione, come pizza, pane e  dolci, tra questi anche gli amati panettoni, i pandori e le colombe tipici dei periodi natalizi e pasquali.

Cresce nella zona di Manitoba, grande provincia del Canada, da un grano molto resistente al freddo, per questo è considerata una farina ‘forte’. È un cereale ricco di insolubili proteine, gliadina e glutenina, queste producono glutine a contatto con acqua o altri liquidi quando si impasta.

Grazie alle sue caratteristiche la Farina di Manitoba durante la cottura permette uno sviluppo considerevole poiché trattiene i gas della lievitazione. Per quanto riguarda invece la pasta, consente una cottura al dente perché trattiene gli amidi che altrimenti la farebbero risultare collosa.

Ecco quali sono i pro e i contro della Farina di Manitoba

Farina Manitoba pro e contro
Farina nel sacchetto (Screenshot da Pexels)

Dopo aver scoperto quali sono le sue origini e le sue caratteristiche, vi sveliamo quali sono i pro e i contro della Farina di Manitoba.

Potrebbe interessarti anche: Farina Manitoba, cos’è e quali sono le sue proprietà

Per quanto riguarda i ‘pro’ possiamo dire che questo tipo di alimento risulta essere molto energetico. Inoltre, è bene sapere che nel sangue assicura un lento rilascio di glucosio, in tal modo garantisce energia a lungo termine all’organismo.

Potrebbe interessarti anche: Farina di arachidi: proprietà e usi di una farina ricca di proteine

Ci sono però alcuni suoi aspetti che possono arrecare danni alla salute. In merito ai suoi ‘contro’ va detto che viene venduta nella variante 00, poiché è sempre super raffinata. Il suo consumo è sconsigliato dagli esperti poiché presenta un elevato contenuto di glutine. Ciò potrebbe rivelarsi dannoso per l’intestino di tutti e non soltanto per coloro che sono sensibili al glutine o soffrono di celiachia. Il glutine in quantità eccessive può infatti apportare danni ai villi intestinali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *