Termosifoni: l’operazione da non dimenticare prima di accendere il riscaldamento

Prima di accendere il riscaldamento per questa stagione fredda che è arrivata, non dovete dimenticare di svolgere questa operazione sui termosifoni. È molto importante!

termosifoni
Termosifoni (Foto di Ksenia Chernaya da Pexels)

Il primo freddo dopo una calda estate è arrivato. Il mese di ottobre ha portato con sè i primi venti freddi, le temperature in questi giorni si sono abbassate notevolmente ed è quindi arrivato il momento di accendere il riscaldamento nelle nostre case.

C’è chi ha il caminetto, chi una stufa a legna o pellet, ma in ogni caso bisogna fare molta attenzione ai nostri termosifoni. Infatti, dopo essere rimasti inutilizzati per molti mesi, dalla primavera scorsa ad oggi, necessitano di qualche operazione prima di rimetterli in funzione e permettere un corretto funzionamento della vostra caldaia.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Freddo, è il momento di accendere i riscaldamenti: il calendario delle regioni

Si tratta dello sfiatamento. Nel periodo del loro inutilizzo, infatti, si è accumulata aria al loro interno e questo ostacola il funzionamento di tutto il sistema di riscaldamento. Dunque, non dovete sottovalutare lo sfiatamento dei termosifoni. È un’operazione molto semplice, che potete fare anche voi in pochissimo tempo.

Termosifoni: ecco come fare lo sfiatamento prima di accendere il riscaldamento

termosifoni
(Foto Pixabay)

Per questa semplice operazione avete bisogno di poche cose: una chiave per aprire le valvole di sfiato dei radiatori, un panno e un secchio per raccogliere l’acqua che verrà fuori. Innanzitutto, prima di procedere, assicuratevi che l’impianto di riscaldamento sia spento e che tutte le valvole del termostato siano aperte. Per aprire al massimo tutti i radiatori basta usare la manopola presente in alto sul calorifero.

Adesso dovete aprire lentamente la valvola di sfiato che solitamente si trova dalla parte opposta utilizzando l’apposita chiave data in dotazione con il termosifone o una adatta. Dovete farlo piano piano in senso antiorario fino a quando il getto d’acqua che fuoriesce sarà forte. Se il getto sarà uniforme significa che avrete eliminato tutta l’aria.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Termosifoni, il trucco per ridurre i costi e riscaldare casa più a lungo

A questo punto controllate la pressione della caldaia: dovrebbe essere tra 1 e 2 bar. Nel caso la lancetta fosse oltre il 2 allora significa che c’è ancora aria nei termosifoni. Se è tutto a posto e accendete il riscaldamento prendetevi un po’ di tempo per verificare se tutto funziona correttamente e se la pressione della caldaia si mantiene al giusto livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *