Frittura di pesce al forno? Ecco il metodo per farla

Frittura di pesce ma al forno? Non è un paradosso: ecco il modo di fare un’ottima frittura di pesce al forno, stupendo i vostri ospiti

Frittura di calamari al forno
frittura di calamari (pixabay)

Voglia di una bella frittura di calamari ma il pasto è troppo abbondante? Perché rinunciare ad un piatto della tradizione, quando tranquillamente possiamo realizzare una versione più light? Ecco quindi come preparare una buona frittura di pesce ma…senza frittura, facendo tutto in forno.

Ti potrebbe interessare anche-> Zucca gratinata in forno, una ricetta buona e veloce

Ecco come fare un’ottima frittura di pesce al forno

Frittura di calamari al forno
Cena (pixabay)

Ovviamente, comprate del pesce di cui siete sicuri per quanto riguarda la qualità e la freschezza, e valutate la quantità da comprarne, a seconda degli ospiti che avrete a tavola. Portato a casa il bottino, dovrete ovviamente pulirlo e sciacquarlo, eliminando lische ed interiora. Assicuratevi di far bene questa operazione, è fondamentale che il pesce sia pulito.

Ti potrebbe interessare anche-> Ciambella bicolore ricotta e cacao velocissima e ligth: solo 150 calorie

Ora dobbiamo passare all’infarinatura: solitamente si consiglia sempre l’uso di farina 00 ma ciò non esclude che si possa usare anche qualche altro tipo, a vostra scelta. Usate molta farina per far venire il pesce croccante, nonostante la cottura al forno.

Disponete poi ogni singolo pesce sulla leccarda: fatelo in maniera ordinata e non sovrapposta, così da avere una cottura omogenea e per consentirvi di girare il pesce più facilmente. Tenete una temperatura non troppo alta: per pesciolini non troppo grande la temperatura può essere media, vista la facilità alla cottura.

Prima di infornarli versate olio e sale e, se volete dare una marcia in più, qualche erbetta aromatica. Coprite il tutto con una carta da forno e via, in forno. Controllate con una certa frequenza la cottura del pesce, girandolo di tanto in tanto. Quando sarà pronto, spruzzate un po’ di limone e servite ancora calda.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *