Cachi: proprietà, benefici e controindicazioni di questo frutto autunnale

I cachi sono il frutto autunnale per eccellenza: ecco perché è importante mangiarli e quali precauzioni adottare per evitare spiacevoli effetti collaterali.

(Foto Pixabay)
(Foto Pixabay)

Mangiare quotidianamente la frutta di stagione è un modo gustoso, semplice ed efficace per mantenersi in forma. I cachi sono dei veri e propri protagonisti delle nostre tavole nel periodo autunnale. Scopriamo la composizione di questi frutti, le loro proprietà e controindicazioni.

Profilo nutrizionale dei cachi

I cachi sono i frutti di un omonimo albero dalle origini antichissime: era coltivato in Asia Orientale già 2000 anni fa.

(Foto Pixabay)

Presente in Italia dal 1880 circa, questo alimento è ricco di vitamine A, B, e C.

Oltre alla presenza di acqua, pari all’80%, il caco è composto da sali minerali come potassio, fosforo, magnesio, calcio e sodio.

Per quanto riguarda i macronutrienti di questo frutto, sono così ripartiti:

  • Carboidrati fino al 18%;
  • Proteine 0,6%;
  • Grassi 0,3%.

In media, 100 grammi di cachi apportano un quantitativo compreso tra 65 e 70 kcal.

Potrebbe interessarti anche: Frutti d’autunno: come conservare per bene i cachi

Proprietà e benefici

Come abbiamo visto, i cachi sono ricchi di vitamine e sali minerali, essenziali per il benessere del nostro organismo.

Cachi, come conservarli
cachi (pixabay)

In particolare, grazie alla presenza di vitamina A e C, questi alimenti infiammazioni e stati febbrili, rivelandosi dei perfetti alleati contro i tipici malanni di stagione.

Non solo: queste vitamine, infatti, donano alla nostra pelle un aspetto sano e luminoso, prevenendo l’insorgenza di discromie e rughe e attenuando l’acne.

Il potassio contenuto all’interno di questo frutto svolge un’azione calmante in caso di bruciori di stomaco, gastrite e reflusso gastroesofageo.

Infine, la grande quantità di fibra favorisce il regolare transito intestinale. Per questo, i cachi sono un efficace rimedio contro la stipsi.

Potrebbe interessarti anche: Marmellata di cachi, come sfruttare i benefici di questo frutto

Controindicazioni ed effetti collaterali dei cachi

Quali sono gli effetti collaterali dei cachi? In linea di massima, l’assunzione di questi frutti non causa particolari disturbi, ad eccezione di persone allergiche a tali alimenti.

Cachi, come conservarli
cachi su vassoio (pixabay)

In ogni caso, è fondamentale non eccedere. Ingerire quantità smodate ed eccessive di cachi, infatti, potrebbe dare origine a una serie di controindicazioni, tra cui rientrano:

  • Picchi glicemici. Per tale ragione, i cachi sono sconsigliati alle persone diabetiche o con alti livelli di glicemia nel sangue;
  • Diarrea e infiammazioni intestinali, per cui questo frutto non è indicato a chi soffre di colite.

Vista l’abbondante presenza di zuccheri, inoltre, è consigliabile evitare di mangiare i cachi di sera.

Molto meglio assumerli al mattino, magari a colazione, per iniziare la giornata con una buona dose di energia.

L. B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *