Vaschette di frutta e ortaggi: come riciclarle in modo creativo

Ne compriamo a bizzeffe e poi siamo costretti a gettarle, ma le vaschette di frutta e ortaggi possono essere riciclate in modo creativo e divertente

ciliegie e frutta in vaschetta
Ciliegie e frutta in vaschetta (foto da Pixabay)

Ne compriamo a bizzeffe quando portiamo a casa frutta e ortaggi, le classiche vaschette di plastica. Ne accumuliamo a dismisura e poi siamo costretti a gettarle via. Spesso le accatastiamo nelle credenze pensando che prima o poi saranno utili, e invece le lasciamo lì a prendere polvere.

Tutti noi le abbiamo in casa, magari in quantità industriale, e non sappiamo che farci. Ecco alcuni metodi creativi per riciclarle, rispettando l’ambiente e trasformando le vaschette di plastica in qualcosa di molto utile alla quotidianità.

Leggi anche → Odore di cibo in casa dopo aver cucinato? Ecco come eliminarlo in 10 minuti

Metodi originali di riciclo delle vaschette di frutta e ortaggi

Pomodorini in vaschetta
Pomodorini in vaschetta (foto da Pixabay)

Capita spesso, se non quotidianamente, di acquistare ortaggi, oppure frutta fresca, ma anche frutta secca, contenuti nelle odiose vaschette di plastica. Bisognerebbe smaltirle, una volta terminato il contenuto, eppure restano sempre nelle credenze di tutte le cucine, accatastate in silenzio. Per non inquinare, possiamo tranquillamente riciclarle con originalità. Si tratta di oggetti talmente semplici che si possono trasformare in qualcosa di davvero utile per le nostre case. Vediamo quali sono questi creativi metodi di riciclo della plastica.

Potremmo utilizzare le vaschette della frutta e degli ortaggi come porta fazzoletti. Il procedimento è banalissimo. Con della colla a caldo dobbiamo incollare alla vaschetta un giro di spago, coprendo il coperchio stesso della vaschetta. A questo punto bisogna forare con un taglierino la parte centrale del coperchio, che combacia con il buco centrale dello spago. Rivestiamo le parti interne con un foglio di carta ricavato dalla bustina del pane e l’oggetto è pronto.

Un altro metodo di utilizzo della vaschetta è la sua trasformazione in cassetta porta fili e nastri. Aghi, fii e nastri sono presenti in tutte le case, per evitare di lasciarli in giro ecco la soluzione ideale. Sul coperchio della vaschetta pratichiamo dei fori, attraverso i quali ci facciamo passare i fili o i nastri, per prenderli all’occorrenza.

Il metodo forse più semplice è quello della vaschetta profuma ambienti. Basta mettere dei fiori secchi all’interno, magari anche delle foglie di alloro con qualche goccia di olio essenziale. Foriamo la vaschetta con un punteruolo caldo, ed ecco che avremo un profuma ambienti davvero utile. Ma un’altra idea di riciclo semplicissima è quella di conservare la vaschetta utilizzandola come contenitore di pennarelli, o penne, al posto del classico astuccio. La possiamo anche decorare con nastri e adesivi.

Leggi anche → Natale 2021, fiocchi di neve decorati: come ottenerli con il minimo sforzo

Il metodo di riciclo più carino è quello di trasformare la vaschetta in accessorio, come un ciondolo per braccialetti o per collari del cane. Basta ritagliare a proprio piacimento la vaschetta, disegnarci sopra con un pennarello indelebile la forma e le scritte desiderate. A questo punto mettere in forno a 160° per un paio di minuti ed ecco che la targhetta prenderà forma definitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *