Dormire poco fa male alla salute: cosa accade al cervello

Dormire poco fa male alla salute, riposare poche ore a notte ha effetti decisamente negativi sul nostro cervello. Ecco cosa accade.

Cervello sospeso sulla mano
Cervello sospeso sulla mano (foto da Pixabay)

Il lockdown ha avuto un forte impatto anche sulla qualità stessa del sonno. Meno attività, meno stanchezza, e dunque meno sonno. Si è cominciato a parlare di “coronasomnia”, ovvero l’insonnia derivata dall’emergenza pandemica, aggiungendosi ai disturbi legati al sonno e che affliggono tante persone. Basta soltanto riposare un’ora in meno rispetto alla media per avere ripercussioni sul fisico, almeno così dicono gli esperti.

La qualità del sonno è fondamentale per la salute del nostro corpo. Dormire poco fa male, le ore di riposo incidono profondamente sulla nostra psiche, la quale poi contagia il resto del corpo. La notte è fatta per rigenerare il fisico, ma cosa accade al cervello se dormiamo poche ore e non riusciamo a riposare correttamente?

Leggi anche → Sclerosi multipla: cos’è e le terapie oggi disponibili

Gli effetti dell’assenza di sonno sulla nostra salute

Persona che dorme e sogna
Persona che dorme e sogna (foto da Pixabay)

Un sonno ristoratore è tutto ciò che serve per riprenderci dalla stanchezza accumulata dalla giornata. Per molti questo riposo è solo utopia, e le conseguenze sono piuttosto gravi sul fisico e sul cervello. Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Science dimostra gli effetti dell’assenza di sonno sulla psiche umana.

Il cervello, nel corso della giornata, produce tossine, il cui accumulo è associato al declino neurocognitivo. Quando dormiamo il cervello smette perciò di produrre queste tossine, producendo però fluido cerebrale. Questo fluido pulisce il cervello come un balsamo, rimuovendo le tossine accumulate di giorno.

Dormire bene e profondamente è alla base della nostra salute, se dormiamo poco non riusciamo a depurare il cervello da queste tossine. I ricercatori hanno inoltre scoperto che le persone che dormono male e poco corrono un rischio maggiore di ammalarsi di influenza.

Leggi anche → Emergenza raffreddore: come aiutare il tuo bimbo a stare meglio

La privazione del sonno ha un impatto fortissimo anche per la risposta immunizzante del vaccino. Le persone che dormono bene e almeno sette ore a notte, hanno possibilità maggiori di sviluppare anticorpi. Per questi, il vaccino sarà ancora più efficace rispetto a chi dorme meno di sei ore a notte. Insomma, dobbiamo impostare la durata del nostro sonno e dormire le ore necessarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *