Farina di castagne: il metodo semplice per ottenere un composto gluten free

L’alimentazione gluten free è l’ultima frontiera della culinaria: avere a della farina di castagne può essere l’arma in più per fare la differenza.

Castagne al forno trucco chef Barbieri
Castagne al forno (Screenshot da Instagram)

Il cibo senza glutine è l’ultima frontiera della ristorazione: la domanda alimentare in tal senso è in costante crescita e anche i ristoranti adeguano l’offerta. Impazzano i locali gluten free o comunque chi, nella proposta culinaria, propone alimenti dedicati. Infatti non è solo una questione di salute: la celiachia impone una certa alimentazione, ma esiste anche un certo tipo di clientela che preferisce determinati prodotti piuttosto che altri.

Sempre più persone fanno a meno del glutine, quindi anche i condimenti devono adeguarsi: le materie prime cambiano per stare al passo con i tempi. La farina, dunque, modifica – all’occorrenza – la propria composizione. È possibile, infatti, averla senza glutine: la ricetta, per chi volesse cimentarsi facendola in casa, è semplicissima. Basta seguire accuratamente alcuni passaggi per avere tutto pronto.

Farina di castagne: la ricetta per un composto gluten free

ricetta dolci castagne
castagne (pixabay)

Si ricava principalmente dalla farina di castagne: come farla nella maniera migliore. L’importante è avere una grande quantità di materia prima. Una volta reperite le castagne, seguite alla lettera i seguenti passaggi:

  • Con l’ausilio di un coltello affilato incidiamo una X sul guscio di ogni castagna;
  • accendiamo il forno a 200° C;
  • disponiamo le castagne sulla placca da forno e cuociamo per 25-30 minuti;
  • quando si saranno un pochino raffreddate, abbastanza da poterle maneggiare, iniziamo a sgusciarle avendo cura di togliere anche la pellicina marrone interna, il tegumento, che risulterebbe amaro;
  • sminuzziamo grossolanamente al coltello le castagne sgusciate e rimettiamole sulla teglia da forno;
  • impostiamo la temperatura minima e procediamo con l’essiccazione. Ci vorranno dalle 12 alle 24 ore. Saranno pronte quando i pezzetti saranno così duri da non poter essere più spezzati con le mani;
  • ora potremo versare i pezzetti secchi in un tritatutto e ridurre a polvere. Se, invece, vogliamo preparare la polenta, tritiamola come la farina di mais.

La ricetta in questione può rivelarsi un toccasana nella stagione invernale. Usufruire della farina di castagne facilita la digestione e aiuta l’organismo nell’assimilazione delle proprietà nutritive. Non proprio un elisir, ma quasi. Ottimo rimedio per coloro che devono necessariamente stare a dieta o per motivi di salute, oppure per esigenze personali. Il modo migliore per affrontare i primi freddi è accompagnarsi con cibo sano e alternative di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *