La ricetta delle castagne bollite: da quella classica alle tante alternative da sperimentare

Conoscete la ricetta delle castagne bollite? Se la risposta è no è arrivato il momento di conoscerla. Andiamo a scoprire non solo quella classica ma anche qualche alternativa in più.

ricetta castagne bollite
(foto pexels)

La ricetta delle castagne bollite è l’ideale per tutti coloro che amano questo frutto autunnale. Oggi andremo a capire come prepararle, inoltre ci concentreremo sui tanti modi per gustarle a seconda dei gusti di ognuno. Non ci resta allora che andare a capire meglio.

Un frutto gustoso e nutritivo

Ogni stagione porta con sé i suoi frutti e quando arriva l’autunno non possiamo non pensare alle castagne. Si tratta di un frutto che presenta un sacco di proprietà nutritive, ma soprattutto gustoso. Tantissime persone non vedono l’ora che sia autunno per gustare le castagne, diciamoci la verità: a volte non vediamo l’ora che viene l’autunno solo per mangiarle.

castagne bollite
(foto pexels)

Oltre ad essere sane e gustose, le castagne possono essere utilizzate per preparare numerose ricette dolci e salate. Non solo: è possibile consumarle anche da sole, in modo tale da assaporarle in maniera ancora più intensa. A tal proposito le varianti di certo non mancano: arrostite, bollite, cotte al forno e chi più ne ha più ne metta.

Potrebbe interessarti anche: Frittelle di castagne: uno spuntino sano dolce o salato

La ricetta delle castagne bollite

Adesso ci concentriamo particolarmente sulle castagne bollite. Si tratta di una variante molto meno comune rispetto alle atre, ma ugualmente buona. Tante persone non hanno mai avuto la possibilità di assaggiarle, ecco perché andremo a vedere come prepararle. Chissà, magari diventeranno le nostre preferite.

Procedimento da seguire

La procedura è semplicissima. Dobbiamo innanzitutto lavare bene le castagne ed eliminare ogni eventuale residuo di terra. Subito dopo dobbiamo metterle in acqua fredda. Per quanto riguarda le quantità, parliamo di circa 500 grammi di castagne. L’acqua che andremo ad utilizzare sarà pari ad 1,5 litri. Le castagne dovranno rimanere lì finché l’acqua non inizierà a bollire.

ricetta da preparare
(foto pexels)

Cottura

Quando dobbiamo togliere le castagne dal fuoco? Questo dipende dalle nostre preferenze. Se vogliamo che esse rimangano un po’ dure sarà meglio toglierle al dente. Al contrario possiamo farle cuocere un po’ più di tempo se vogliamo che esse si frantumino. In questo caso quando le andremo a togliere dalla buccia a mangiarle si scioglieranno in bocca.

Varianti

Ultimo appunto: le tante varianti in cui possiamo gustarle. Se vogliamo sentire il sapore intenso che ci dona la castagna possiamo gustarle anche così. Se invece vogliamo ottenere un sapore diverso e più particolare possiamo scegliere di aggiungere qualche erba aromatica o spezia. La scelta è vastissima: parliamo di salvia, timo, cannella e tanto altro. Il procedimento però è sempre uguale. Dopo aver preparato le castagne bollite basta scolare l’acqua ed aggiungere ciò che si sceglie direttamente nella pentola. Il passaggio successivo? Gustare il risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *