L’aspetto delle unghie rivela patologie anche gravi: impariamo ad osservarle

L’aspetto delle unghie può rivelare patologie anche gravi, motivo per cui dovremmo curarci di loro non solo in senso strettamente estetico.

unghie patologie (1)
unghie (pixabay)

Il nostro corpo è, per una metafora che dura da sempre, una macchina unitaria che molti dicono, vai a sapere se abbiano poi ragione, perfetta. In ogni caso, in nome della sua unità, quando qualcosa in noi non va la nostra fisicità ci avvisa, anche con indizi lontani, che non riusciremmo di per noi a collegare.

Uno dei molti specchi che abbiamo sul nostro stato di salute, sono le unghie. Abituati come siamo a curarle solo in senso estetico, siamo dimentichi di questa loro importante funzione. Ecco perché quindi dovremmo imparare ad osservarle.

Ti potrebbe interessare anche-> Stretching: gli esercizi più efficaci per chi ha più di 60 anni

Unghie, il loro aspetto racconta le nostre patologie

unghie patologie
estetista (pixabay)

Le unghie possono presentare diverse irregolarità: una delle più comuni è un aspetto, alla superfice, poco regolare, increspato, pieno di piccole depressioni. Capita che l’unghia cresca così in un periodo particolarmente di stress ma, se il fenomeno si protrae, allora iniziate ad interrogarvi sulle possibili cause. Questa forma, nello specifico, chiamata a ditale, può essere spia di un problema della pelle come la psoriasi e l’alopecia.

Ti potrebbe interessare anche-> Gli alimenti surgelati o congelati e scaduti si possono mangiare?

Altra forma comune è quella chiamata a vetrino d’orologio per la somiglianza, giustappunto, con quest’ultimo. Tale forma può essere invece spia di problemi all’intestino o al fegato ma non solo. Secondo la rivista Humanitas questa particolare conformazione potrebbe rivelare anche problemi all’apparato respiratorio.

Ovviamente, questo sintomo, non basta da solo per un autodiagnosi. Quando vedete che le vostre unghie cambiano da quello che è il loro aspetto solito, sentite sempre il vostro medico. Lui saprà certo consigliarvi e confermarvi, o smentirvi, qualsiasi altra patologia.

serena garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *