Attenzione al prosciutto cotto: bada a questi segni prima di comprarlo

Il prosciutto cotto nelle nostre case è immancabile: quando lo compriamo però dobbiamo prestare attenzione al presentarsi di alcuni segni.

prosciutto cotto segni
prosciutto cotto in piatto (pixabay)

E’ un must nelle nostre case: piace molto ai bambini e agli adulti;  è l’ideale per preparare all’ultimo un panino d’urgenza, ma è buono anche in cucina, per pasti e per aperitivi più in generale. Insomma, meglio che il prosciutto, in casa, ci sia sempre.

Quando lo acquistate però quanti di voi lo fanno con una reale consapevolezza e quanti invece procedono all’acquisto ad occhi chiusi? Questo articolo vi invita ad un acquisto assennato e consapevole, pena la salute vostra e di chi vive con voi. Infatti questo alimento che tanto osanniamo potrebbe contenere sostanze molto nocive per chi lo ingerisca. Appurarsi della presenza di queste è facile, basta uno sguardo.

Ti potrebbe interessare anche-> Cornici per camini e camini finti: la nuova moda natalizia

Prosciutto cotto: cosa guardare prima dell’acquisto

prosciutto cotto segni
carne (pixabay)

Il prosciutto cotto, lo immaginate, prima di arrivare in vendita viene ovviamente trattato: con sale e insaporitori per dargli un sentore più denso e un sapore più appetitoso. Alcune sostanze vengono tristemente iniettate nell’animale ancora in vita. Quello che deve farci preoccupare però è l’utilizzo di sostanze chimiche, atte a conservare, estremamente dannose per l’uomo.

Ti potrebbe interessare anche-> Pop it pericolosi per la salute dei bambini: il sequestro dei nas

Tali sostanze conferiscono alla fetta degli strani riflessi arcobaleno, difficilmente scorgibili se non ci si presta apposita attenzione. Chiedete quindi al macellaio, o chi per lui, di tagliare una fetta del prosciutto sul momento e di mostrarvela. Se dunque, guardando in contro luce, vedete queste buffe sfumature di colore, cambiate prodotto. Il consiglio, quando si tratta di cibi su questo genere, è di non fermarsi mai su prodotti economici ma puntare su prodotti di qualità che, necessariamente, costano di più.

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *