Come eliminare i cattivi odori dalla cucina dopo aver cucinato

Cucinare piatti sfiziosi e ritrovarsi la cucina tempestata di odori è cosa normale: ecco come eliminare i cattivi odori e profumare l’ambiente senza aprire le finestre.

Cucinare e mettere la cucina a soqquadro
Cucinare e mettere la cucina a soqquadro (foto da Pixabay)

Cucinare piatti sfiziosi e ritrovarsi la cucina tempestata di odori è cosa normale: ecco come togliere i cattivi odori e profumare l’ambiente senza aprire le finestre. Si tratta di un rimedio molto utile specialmente in inverno, quando fa freddo e si è impossibilitati a tenere le finestre aperte.

Cucinare è bello, ma gli odori della frittura, dell’arrosto o delle semplici verdure cotte non sono sempre gradevoli. In inverno poi questi odori si spargono nell’aria e non vanno via facilmente, restando impregnati sui tessuti. Ma come possiamo toglierli?

Leggi anche → Conto corrente, si cambia ancora: stangata per i correntisti italiani. I dettagli

Eliminare i cattivi odori dalla cucina e profumare l’ambiente

Cucina arredata con piantine
Cucina arredata con piantine, per un tocco di verde in più (foto da Pixabay)

Esistono vari metodi per eliminare la puzza in cucina e l’odore del cibo cucinato. Ad esempio, l’aceto è un ingrediente utilizzato tantissimo in casa e che può svolgere mille funzioni. L’aceto lucida, sgrassa e disinfetta, in cucina basta metterne un po’ all’interno di un bicchiere, posizionarlo sul piano cottura e lasciarlo così qualche ora. È come se l’aceto si mangiasse gli odori provenienti dai fornelli, perciò è un rimedio facile, veloce e funzionale da fare appena dopo aver cucinato.

Il bicarbonato anche è molto efficace per eliminare gli odori cattivi. Anche in questo caso potete metterne un po’ in un bicchiere e riporlo sul piano cottura. Potete rinforzare la sua funzione spargendo nell’ambiente un profumo. Quale profumo? Gli oli essenziali sono profumatissimi e molto utili a contrastare la puzza. Specialmente gli oli essenziali agli agrumi reprimono il cattivo odoro e profumano la cucina.

Basta versare qualche goccia di olio essenziale su un fazzoletto e metterlo in vari punti della stanza. In breve il profumo si diffonderà. In alternativa all’olio essenziale, potete utilizzare il succo di limone. Potete mescolarlo con acqua e versarlo dentro un contenitore spray, dopodiché nebulizzarlo caldo in vari punti della cucina, a partire dal lavello dove avete cucinato. Passateci sopra un panno pulito ed il gioco è fatto.

Leggi anche → Vetri appannati: le soluzioni per eliminare la condensa a casa e in auto

Infine, per profumare la stanza potete lasciare sul tavolo della cucina un pot pourri. Potete tenere il vaso anche fisso in un angolo o poggiato su un mobile. Catturerà gli odori e spargerà il suo profumo. Insomma, come avete visto, basta poco per profumare la casa, eliminando i cattivi odori. Le alternative ci sono sempre, basta solo conoscerle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *