Il passaggio fondamentale per una cotoletta croccante: non tutti lo fanno

Per una cotoletta croccante, ecco il passaggio fondamentale che non tutti fanno. Non ci vuole nulla e il risultato è assicurato!

cotoletta croccante
cotoletta impanata (pixabay)

La cotoletta è un piatto che piace da morire a grandi e piccini. Che sia di pollo, carne o verdure- anche di pesce, volendo- il suo modo di cottura e il suo sapore stuzzica l’appetito. In più è un piatto molto semplice e si fa presto a metterlo insieme. E’ accompagnata bene da una molteplicità di contorni, dalle verdure, alle patate al forno o fritte. Insomma un piatto buono, versatile, semplice e veloce.

E allora perché, nonostante la sua facilità così sbandierata, alle volte quel che ci ritroviamo nel piatto è completamente un’altra cosa rispetto a quella che vorremmo? La maggior parte delle persone salta questo passaggio che invece è fondamentale per ottenere una cotoletta croccante e morbida al tempo stesso.

ti potrebbe interessare anche->Olive nere sotto sale come conservarle a lungo

Il passaggio che saltano quasi tutta per una cotoletta croccante

cotoletta croccante
cotolette pronte e servite con salse (pixabay)

I trucchi che stiamo per suggerirvi sono due nello specifico. Il primo potrebbe sembrarvi addirittura una banalità ma siamo sicuri che la maggior parte di voi non lo fa: si tratta di mettere a macerare, in questo caso la carne, almeno un paio d’ore prima nell’uovo sbattuto con pepe, sale e formaggio. A questa maniera la carne avrà tutto il tempo di assorbire e insaporirsi ulteriormente.

ti potrebbe interessare anche-> Mini-sformati di zucca la ricetta deliziosa

Un secondo modo per una cotoletta con i fiocchi e croccante come si deve, è la doppia panatura. Passate le vostre fettine nell’uovo, nel pangrattato e ripetete una seconda volta. Si potrebbe sostituire il normale pangrattato col panko, un pangrattato di origine giapponese che darà un tocco di croccantezza in più.

Insomma, così le vostre cotolette così saranno davvero irresistibili!

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *