Truffa sms ed altri tipi di raggiro, cosa fare per non cascarci

Diverse segnalazioni per situazioni di truffa sms ed anche mail sono giunte alla Polizia Postale. Come riconoscerle ed in che modo difendersi.

Truffa sms ed altri tipi di raggiro
Truffa sms ed altri tipi di raggiro Foto dal web

Truffa sms, una modalità purtroppo molto diffusa e che colpisce numerosi utenti. A tanti sta capitando di ricevere dei messaggi di testo con mittenti Poste Italiane piuttosto che uno degli istituti di credito presenti in Italia.

Oppure i ladri si spacciano per compagnie assicurative oppure aeree, o ancora per Amazon o per qualche altro sito di e-commerce. In tutti questi casi si tratta di casi di truffa sms, che ha come scopo quello di farci cliccare sui link malevoli presenti e di carpire i nostri dati privati sensibili.

Il pretesto è sempre lo stesso: c’è un problema che riguarda l’utente, come può esserlo un conto corrente bloccato oppure un pacco trattenuto, e si presenta la necessità di dovere verificare e correggere i dati anagrafici. Tutte menzogne atte a farci fidare per poi colpirci.

Truffa sms, come possiamo difenderci

Foto dal web

Chi ci casca rischia di vedere prosciugato il proprio conto corrente, qualora le misure di precauzione della banca o delle poste non riescano a fare il loro dovere. È bene comunque mai e poi mai cliccare su link che arrivano attraverso messaggi, sia sotto forma di sms che di e-mail.

Potrebbe interessarti anche: Conto cointestato, non sempre il coniuge beneficiario può utilizzarlo

Qualsiasi operazione va invece compiuta sul sito ufficiale del soggetto di riferimento, e mai tramite sms o messaggi di posta elettronica. In tal senso esistono degli appositi numeri verdi per l’assistenza clienti. Lo stesso vale però anche nel caso in cui dovessimo ricevere delle telefonate da parte di soggetti che si spacciano come referenti della banca o di un servizio al quale risultiamo iscritti.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Patente, rimborsi fino a mille euro: come ottenerlo

Potrebbe interessarti anche: Bonus Patente, rimborsi fino a mille euro: come ottenerlo

Anche in situazioni del genere bisogna riagganciare subito e premurarsi di telefonare alla assistenza clienti per ricevere le opportune istruzioni del caso. Purtroppo i casi di truffa sono all’ordine del giorno e serve sempre prestare massima attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *