Le piante che hanno bisogno della potatura a novembre

Ci sono alcune piante che richiedono una potatura e la richiedono proprio nel mese di novembre. Vediamo quali possono essere.

potatura piante
Potatura piante (Foto di Anna Shvets da Pexels)

Novembre è un mese importante per le nostre piante, soprattutto quelle presenti nel giardino. Un po’ di freddo è arrivato, ma deve ancora arrivare l’inverno e bisogna pensare a proteggere le nostre piante e poi anche a prepararle per una stagione nuova.

Per questo motivo la prima cosa da fare quando arriva novembre, ma comunque prima di dicembre, è quella di prendere tutto l’occorrente e sistemare per bene le piante del giardino. Bisogna proteggerle dal freddo e dalle intemperie, ma bisogna anche pensare alla potatura.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Quali piante rampicanti potare in autunno per avere colore in primavera

Alcune piante, infatti, ne hanno assoluto bisogno per poter riposare adeguatamente e poi riprendere vitalità nella nuova stagione calda in cui dovranno fare fiori e frutti in abbondanza. Ma ecco qui di seguito quali piante ne hanno bisogno in questo periodo.

Le piante che hanno bisogno della potatura a novembre

piante casa poca luce
(Foto Pixabay)

I giardinieri ormai provvedono alla potatura di alcune piante, solamente quelle più resistenti, in novembre da molto tempo. Il mese è freddo, ma non così tanto come può esserlo l’inverno che arriva nei mesi successivi. Ricordiamo che è importante potare le piante in questo periodo per una serie di motivi: il primo per approfittare del riposo vegetativo della pianta, poi perchè molte perdono le foglie così è molto più visibile nei rami per tagliare.

Ma è una pratica fondamentale anche per rimodellare e per incoraggiare la crescita nella nuova stagione. Non tutte sono da trattare in novembre. Oltre alle rose, è il momento di trattare alcuni alberi da frutto come possono essere meli e peri a cui va data una forma a U. Anche gli aceri devono essere alleggeriti proprio in novembre. Così come bisogna tagliare i rami del glicine.

Altri due arbusti ai quali pensare sono certamente il biancospino, per rimodellarlo, e il lillà americano. Quest’ultimo bisogna accorciarlo di circa un terzo della lunghezza su tutti i rami che hanno prodotto dei fiori.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Piante grasse, il trucco per innaffiarle senza farle mai morire

Infine, bisogna pensare anche all’ortensia. È necessario tenere i rami giovani ed eliminare quelli vecchi e secchi. In genere il taglio viene fatto sopra la prima coppia di gemme. Ma non accorciatela troppo, altrimenti non darà più i suoi bellissimi e piccoli fiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *