Olio di Palma: nuovi allarmanti studi sul suo utilizzo

Olio di palma, altre cattive notizie sull’uso di questa sostanza: degli studi svolti di recente contribuiscono alla sua condanna

olio-di-palma-studi
olio di palma (pixabay)

L’olio di palma, su cui già tanto si era discusso, torna a far parlar di sé e sempre nello stesso segno. Già nel non lontano 2015 uno studio condotto in casa dalle università di  di Bari, Padova e Pisa, in collaborazione con la Società Italiana di Diabetologia aveva dimostrato in che modo l’uso dell’olio di palma andasse ad impattare sulla nostra salute: questo distruggeva le cellule del pancreas predisposte alla produzione di insulina.

Questo favoriva l’insorgenza di diabete mellito e problemi vari di natura cardiovascolare.

Ti potrebbe interessare anche-> Whatsapp, come scoprire se qualcuno spia le nostre chat

La ricerca recente sull’olio di palma: ancora cattive notizie

olio-di-palma-studi
incendi provocati alla foreste per l’estrazione dell’olio di palma (pixabay)

Ora un nuovo studio condotto stavolta a Barcellona dimostra come l’uso dell’olio di palma favorisca la diffusione dei tumori. Nel 2017 questo collegamento tra l’acido palmitico e la diffusione delle metastasi era già stato dimostrato: non si era riusciti a capire però quale fosse il collegamento. Ora, invece, ci siamo.

Gli scienziati sotto l’egemonia del  ricercatore dell’ICREA dottor Salvador Aznar-Benitah dell’IRB Barcelona hanno dimostrato come una dieta ricca di acido palmitico renda le cellule tumorali più aggressive. In particolar modo le cellule legate ai tumori della bocca e della pelle.

Ti potrebbe interessare anche-> Le migliori creme protettive contro il vento e il freddo

La cattiva notizia è che l’acido palmitico lascia un vero e proprio marcatore di “memoria” che rende il profilo delle cellule tumorali più aggressivo. Questo fa attivare le cellule di Schwann e il proliferare del tessuto extracellulare.

Quali sono quindi i prodotti che contengono olio di palma? Questi possono essere sia alimentari che non alimentari.

Tra i non alimentari abbiamo:

  • dentifricio
  • rossetti
  • detersivi
  • sapone
  • crema corpo
  • shampoo

Per i prodotti alimentari invece:

  • dado
  • prodotti lievitati
  • cotolette impanate e prodotti surgelati
  • budini, sia pronti che in polvere
  • creme spalmabili
  • Prodotti e integratori per le donne in gravidanza
  • Latte e prodotti vari per i neonati
  • Pani
  • Grissini
  • pasta sfoglia industriale (pasta frolla, sfoglia, brisée, per pizza, pasta fillo)
  • focacce confezionate, salatini, snack e pizze surgelate
  • sughi pronti
  • dolcetti confezionati

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *