Amazon, grossi problemi per milioni di utenti da gennaio: i dettagli

Un portavoce di Amazon ha confermato come, con l’arrivo del nuovo anno, avrà luogo una svolta con a monte una rottura importante. La cosa riguarderà in tanti.

Amazon comunica la grossa decisione
Amazon comunica la grossa decisione Foto dal web

Amazon, entro breve, sopprimerà uno dei modi più diffusi per portare a compimento i nostri acquisti. Il portale di e-commerce, leader mondiale del settore, ha preso la decisione alquanto clamorosa e che riguarda le carte di credito del circuito Visa.

Infatti le stesse non potranno più essere utilizzate, ed Amazon stessa ha dato notizia della cosa svelando pure la motivazione. La colpa è delle commissioni, ritenute troppo elevate. C’è però un ulteriore dettaglio che restringe comunque il campo nel quale sono inclusi i clienti che verranno interessati di conseguenza da questa nuova politica dell’azienda fondata da Jeff Bezos.

Infatti Amazon abolirà per i pagamenti sul proprio sito solamente le carte di credito Visa emesse in Gran Bretagna. Questa svolta avrà luogo a partire da gennaio, con i titolari delle stesse (non necessariamente residenti nel Regno Unito, n.d.r.) che dovranno scegliere una nuova tipologia per completare i pagamenti in questione.

Amazon, la rottura avverrà anche in Italia?

Foto dal web

C’è anche una data precisa a partire dalla quale si consumerà a tutti gli effetti questa rottura. Succederà tutto quanto a partire dal prossimo 19 gennaio 2022. La cosa ha ricevuto conferma da un portavoce dell’azienda statunitense, che da qualche settimana ha visto intensificare le proprie operazioni.

Potrebbe interessarti anche: Aumento delle bollette, qualcosa non va: in alcune città si paga di più

Una cosa che avviene regolarmente da novembre in poi, tra Black Friday, Cyber Monday e le settimane che precedono le festività natalizie. Per quanto riguarda Visa, non è arrivato alcun commento in merito. E comunque non è escluso che Visa possa essere abolita per i pagamenti su Amazon anche in altri Paesi, Italia inclusa.

Potrebbe interessarti anche: Black Friday a rischio: i dipendenti Amazon potrebbero scioperare

Potrebbe interessarti anche: Periodo pre-natalizio: così i supermercati puntano a farci spendere di più

Ad ogni modo i metodi per completare le transizioni sono tanti: oltre ad affidarsi a Nexi, a PayPal, a PostePay ed alla facoltà di usare carte di credito appartenenti ad altri circuiti, come Americ Express e Mastercard, è possibile pure pagare in contanti ad un punto vendita selezionato in prossimità di casa nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *