Puzza di umido sul bucato: poche regole per eliminarla

Puzza di umido sul bucato? mai cosa fu più fastidiosa: ecco qualche modo per non farlo capitare più o per rimediare se capita

puzza-umido-bucato
bucato steso (pixabay)

La puzza di umido sul bucato può rivelarsi davvero spiacevole, il più delle volte. A chi andrebbe di andare in giro con una maglietta o un pantalone che sa di muffa? A nessuno, com’è vero. Ma ci esaspera anche dover sempre ricaricare la lavatrice e ricominciare: spreco di voglia e di energie a parte, è uno spreco di elettricità non da poco, anche di acqua. Insomma, sarebbe stato meglio evitare!

Eccovi quindi qualche rapido suggerimento per cercare di porre fine al problema.

Ti potrebbe interessare anche->Come gestire l’ansia senza medicinali: rimedi naturali e consigli utili

Puzza di umido sul bucato: ora di dire basta

puzza-umido-bucato
mollette del bucato

Una delle regole d’oro per eccellenza è quella di non lasciare mai i panni umidi: se possibile cercate subito di stenderli fuori, all’aperto. Il sole è uno dei nostri alleati numero uno, in questo. Eviterà che l’odore di muffa penetri tra le fibre del tessuto, distendendole. Peggio ancora l’eventualità che porta a dimenticarci i panni magari infondo al cestello: abbiate sempre cura di controllare non vi sia sfuggito nulla.

Ti potrebbe interessare anche->Acne: qualche suggerimento prezioso per la prevenzione

Se invece vi accorgete che il danno è fatto, dovete necessariamente ripetere il ciclo. Magari potete adottare uno di questi consigli come una pratica di base: aggiungete nel cestello uno dei classici anti-odori per eccellenza: il sapone di marsiglia potrebbe essere un valido inizio. Versatelo nel cestello assieme a una quantità proporzionata di bicarbonato di sodio. Un altro aiuto potrebbe per esempio venirvi dall’aceto, dal sale o da qualche olio essenziale.

Ricordate, non da ultimo, che i cattivi odori che percepite potrebbero essere legati alla manutenzione della vostra lavatrice, piuttosto che alle vostre metodiche. Controllate sempre che non ci sia un accumulo di calcare.

Serena Garofal0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *