Acqua dell’asciugatrice: qualche buon uso che puoi farne

L’asciugatrice produce molta acqua: come usarla, per non sprecare? Ecco qualche uso a cui probabilmente non avevi pensato

acqua-asciugatrice-usi
acqua, anche detta “oro bianco”: non sprecarla è fondamentale (pixabay)

L’asciugatrice, l’irrinunciabile: soprattutto quando fuori piove alla grossa o il sole è latitante da diversi giorni. Lasciare i panni bagnati non si può, pena puzza di umido e chiuso, che non piace a nessuno. Ora, nonostante questo suo uso strettamente necessario, l’asciugatrice ha il gran difetto di essere assai dispendiosa: sia di acqua, sia di energia.  Ma se per l’energia il fattibile è poco, possiamo evitare di sprecare l’acqua, significativamente indicata come Oro bianco.

Ora l’asciugatrice fa evaporare l’umidità dei vestiti e l’acqua, raccogliendola in una vaschetta. Da questa vaschetta, che faremo dell’acqua raccolta? Fondamentalmente è acqua pulita di vestiti puliti, ma non dimentichiamoci che non è distillata e può presentare delle impurità, come fili di lana o pelucchi. Possiamo pensare di filtrarla: ci serve un colino e un tessuto che lasci passare il liquido, trattenendo i corpi solidi, come una garza. Foderiamo il nostro colino del tessuto scelto e poi riutilizziamo l’acqua così filtrata.

Ti potrebbe interessare anche->Breve guida allo zenzero: le proprietà e gli usi più comuni

Acqua dell’asciugatrice, gli usi possibili

acqua-asciugatrice-usi
dare l’acqua ai fiori con questo residuo è sconsigliato (pixabay)

Tra gli usi possibili, spesso si citano il riempire il serbatoio del ferro da stiro o il dare l’acqua alle piante. Ora è vero che l’abbiamo filtrata ma l’acqua potrebbe mantenere comunque tracce di impurità: il ferro potrebbe usurarsi e le piante avvelenarsi, se nell’acqua è ancora presente qualche traccia di detersivo. Motivo per il quale noi vi sconsigliamo di farne questi usi. Se proprio dovete, fate in modo che non sia qualcosa di costante  e per le piante, usate quest’acqua per annaffiare le piante in terreno, e non nel vaso dove l’avvelenamento è più facile.

Ti potrebbe interessare anche->Le magliette si sono ristrette in lavatrice? Si può rimediare

Per gli altri usi c’è invece carta bianca: potete per esempio usarla per la carrozzeria dell’auto, per il lavello della cucina, per rimboccare l’acqua del tergicristallo. Altro uso, davvero a risparmio, è usarla per lo scarico: scaricare l’acqua del water è infatti una delle cose a più alto consumo d’acqua, non sarebbe male quindi cercare di limitare i danni.

Potete usare l’acqua ricavata così anche per lavarvi i capelli. Ricordate in ogni caso, inutile dirlo, che l’acqua non è potabile: evitate di far abbeverare bambini e amici a quattro zampe.

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.