Tutti i sintomi collegati al reflusso gastroesofageo, specie in autunno

Tantissime persone soffrono di reflusso gastroesofageo, specialmente in autunno, ma tanti sono i sintomi collegati a questo disturbo.

Reflusso gastrico. sintomi
Reflusso gastrico: i sintomi più comuni (foto da Adobe Stock)

Tantissime persone soffrono di reflusso gastroesofageo, specialmente in autunno, ma tanti sono i sintomi collegati a questo disturbo. Sono sintomi che presentano vari problemi, alcuni anche insospettabili, tutti legati al reflusso.

Il reflusso avviene perché la valvola posta tra esofago e stomaco, chiamata cardias, non funziona correttamente. Il mal funzionamento fa risalire nell’esofago il cibo ingerito, generando infiammazione e dolore. Ma quali sono altri sintomi a questo collegati?

Potrebbe anche interessarti → La felicità è anche una questione di geni: ecco cosa dicono gli studi

Reflusso gastrico, i vari sintomi del corpo

Come mangiare chiodi
Come mangiare chiodi (foto da Adobe Stock)

Ovviamente il sintomo principale, che ci fa capire che soffriamo di reflusso gastroesofageo, è il bruciore di stomaco. Davvero fastidioso, che a volte può durare anche parecchio tempo. Al bruciore si accompagna anche dolore dovuto al rigurgito acido. La mucosa si irrita e l’esofago si infiamma, creando acidità.

A questo però solo collegati altri sintomi che avvertiamo nel corpo. Dai dolori alla testa a quelli della mascella, fino difficoltà nella masticazione. Tantissime persone ne soffrono, specialmente durante l’autunno, quando cambia lo stile di alimentazione, passando da cibi freschi a cibi più caldi e calorici.

A volte può anche bruciare la lingua, altre possono far male le orecchie, altre ancora ci possono essere difficoltà respiratorie. Sono tutti sintomi legati al reflusso. Nei casi più  gravi è consigliata una vista dall’otorinolaringoiatra o da un gastroenterologo.

Potrebbe interessarti anche → Donne: dolore all’addome non solo per colpa del ciclo, le probabili cause

Il reflusso gastrico è fastidioso, specialmente se accompagnato da mal di gola e dolori al naso e alle orecchie. A volte, quando si cambia posizione velocemente, magari durante la notte, l’acido raggiunge la gola. Una situazione davvero brutta, accentuata in periodi di stress. A questo punto, un regime alimentare corretto aiuta a liberarcene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.