Ridurre rischio di diabete e problemi cardiaci mangiando frutta secca

La frutta secca la possiamo trovare in tantissimi dolci, specialmente in questo periodo dell’anno, ma se vi dicessimo che può ridurre il rischio di diabete e problemi al cuore? Un motivo in più per mangiarla!

frutta secca diabete
Frutta secca (Pixabay)

Noci, nocciole, pistacchi, arachidi, mandorle, ma anche pinoli e chi più ne ha più ne metta! La frutta secca piace a grandi e piccini e fa parte della tradizione culinaria italiana, sia dolce che salata, ma anche di usanze radicate da anni, come l’aperitivo.

La frutta secca, inoltre, essendo ricca di sali minerali, vitamine, fibre e grassi insaturi, possiede innumerevoli proprietà che ne fanno un alimento molto importante per la nostra salute. Inoltre presenta carotenoidi, flavonoidi e fitosteroli.

Per via di tutti questi componenti, si ritiene che il consumo di frutta secca potrebbe aiutare a prevenire il diabete, le malattie cardiache e l’ipertensione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Frutta secca germogliata: aiuta a digerire meglio, i benefici

È consigliato assumere frutta secca per ridurre il diabete

frutta secca diabete
Frutta secca (Pixabay)

Il consumo di frutta fresca è da sempre consigliato in ogni tipologia di dieta (specialmente per chi pratica tanto sport) perché contiene:

  • grassi insaturi, che aumentano i livelli di colesterolo “buono” HDL e abbassano i trigliceridi;
  • sali minerali, come il ferro, il magnesio, calcio, potassio;
  • proteine;
  • vitamine, tra cui la E, folati e niacina;
  • fibre, utili all’intestino per controllare i livelli di glicemia;
  • sali minerali, come il ferro, il magnesio, calcio, potassio.

Come tutto ciò che assimiliamo, anche in questo caso è però necessario fare attenzione alle quantità, anche perché il valore calorico di qualsiasi frutto secco è piuttosto elevato. I nutrizionisti, infatti, consigliano un consumo di frutta secca pari al massimo a 30 g al giorno. Oltre questa soglia, infatti, i benefici diminuiscono considerevolmente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Frutta secca, perché dovremmo sempre mangiarne: lo studio

Il consumo di frutta secca, come già anticipato, è utile per prevenire alcune malattie, tra cui il diabete di tipo 2.
Una ricerca svolta in Australia ha infatti dimostrato che i cibi ricci di acidi grassi omega 6 (come le noci) possono contribuire a ridurre di oltre il 30% il rischio diabetico. Gli esperti suggeriscono, quindi, di introdurre come prevenzione questo rimedio naturale nei soggetti sani. (Serena Ponso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *